cerca CERCA
Martedì 27 Luglio 2021
Aggiornato: 04:22
Temi caldi

Zingaretti: "Dimissioni irrevocabili, ma non scompaio"

07 marzo 2021 | 22.06
LETTURA: 2 minuti

Il segretario in uscita del Pd spiega: "Ho voluto dare una scossa quando ho percepito che questo partito rischiava di implodere". "Sindaco di Roma? Non è il mio obiettivo"

alternate text
(Fotogramma)

Nicola Zingaretti, dopo le sue dimissioni da segretario del Pd, spiega a 'Live non è la D'Urso' su Canale 5 le ragioni della sua decisione. "Ho voluto dare una scossa quando ho percepito che questo partito rischiava di implodere. Il mio è un atto di amore nei confronti della necessità del Pd di scendere vicino alla condizione umana e non di parlare soltanto di se stesso", dice, aggiungendo che "se sono io il problema, sono il primo a fare un passo indietro, ci vuole un grande chiarimento, lo faccia il gruppo dirigente e troviamo insieme le forme per andare avanti. Statene certi io non scompaio, sarò presente con le mie idee e con il mio lavoro, domani andrò a rinnovare la tessera nel mio circolo, però credo che sia opportuno che tutti si assumano le proprie responsabilità, altrimenti si confonde il confronto delle idee con la furbizia".

Zingaretti ha poi risposto "sì" alla domanda se le sue dimissioni siano irrevocabili, "perché il Partito democratico per fortuna non è un partito del leader, ma è un partito con un leader che si sceglie. Abbiamo tante energie. Sono il presidente della Regione Lazio, ho tantissime cose da fare".

Quanto al governo, "c'è una cosa che mi ha dato fastidio: tutti insieme abbiamo voluto il governo Conte, abbiamo sostenuto questo governo, il gruppo dirigente l'ha difesa questa scelta. Quando questo progetto non è andato in porto ci siamo girati e non c'era più nessuno e ci hanno accusato 'o Conte o morte'. Credo molto nel pluralismo, ma quando il pluralismo significa stare zitti nelle riunioni e poi attaccare nelle dichiarazioni pubbliche diventa una cosa di diverso".

Sull'ipotesi di candidatura a sindaco di Roma chiarisce: "Fare il sindaco di Roma nei prossimi anni sarà la cosa forse più bella che possa capitare a chi ha passione politica. Sono presidente di Regione e di Roma, credo che questo sia uno dei miei compiti in questo momento. Ci sono tante energie per fare il sindaco, non è questo oggi il mio pensiero nè assolutamente il mio obiettivo".

Il governatore del Lazio torna infine a difendere il programma di Barbara D'Urso: "Ho detto una cosa che confermo: questa è una bella trasmissione, molto popolare, e la scelta di chiamare i leader della politica italiana a parlare dei problemi delle persone è una bella scelta, perché io sono contro il populismo, ma il populismo si combatte con la politica popolare, non con la puzza sotto il naso". "A me è sembrato naturale dire complimenti, io non amo la politica snob, mi piace sentire la spalla delle persone vicino", afferma in riferimento alle polemiche delle settimane scorse per il tweet a sostegno della trasmissione.

"Mi piaceva venire -ha aggiunto- anche per farci quattro risate, perché troppo onore il fatto che un tweet fa discutere così tanto solo perché parliamo con gli italiani attraverso una trasmissione popolare: se c'è qualcuno che sta bene a parlare solo nei salotti, si accomodi".


Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza