cerca CERCA
Martedì 29 Novembre 2022
Aggiornato: 12:34
Temi caldi

Moda

Per la prossima estate N.21 si ispira a Tina Modotti e Corinne Day

24 settembre 2015 | 11.12
LETTURA: 3 minuti

alternate text
N.21, primavera estate 2016

Dalle suggestioni e dalle elaborazioni delle immagini fotografiche di Corinne Day, fotografa che ha documentato le pulsioni degli Anni 90, e di Tina Modotti, che attraverso l’eccentrico obiettivo della sua Leica ha ribaltato e annullato i concetti folk della latinità, Alessandro Dell’Acqua fa nascere la collezione N°21 primavera-estate 2016. L’amato maschile-femminile si rifonda nelle T-shirt indossate sotto gli abiti sottoveste di chiffon o sotto gli abiti di pizzo, nel caban con i ricami applicati di passamaneria e pon pon, negli abiti di cady innervati di ruches e accostati a camicie bianche, nei contrasti del ruvido di una gonna di tela di lino indossata sotto una camicia di crêpe de Chine, nella camicia scomposta fino a diventare un abito drappeggiato.

La femminilità sensuale è sottolineata anche negli abiti di macramé declinati nei colori pastello, nel grembiule di crêpe, negli abiti di pizzo di cotone sovrapposto da un velo di pizzo chantilly, nelle stampe floreali dei pijama-tailleur o del tailleur con la gonna orlata di passamaneria da arredamento, nella maglieria mélange che forma abiti sensualmente drappeggiati sul corpo. E

tutto si collega nelle tute di popeline che terminano in top con ricami che trasformano ricordi etnici in evidenze vittoriane, nei completi di cupro, nelle canotte e nelle gonne composte da strisce di pitone, nelle scarpe leggiadre che si concedono al decoro degli effetti tribali e della leggiadria dei pon pon nello stesso momento in cui sono riportate all’ordine dai calzettoni di cotone che le accompagnano. O dalle borse allungate che usano la forma della shopping bag per recuperare la severità della linea.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza