cerca CERCA
Giovedì 19 Maggio 2022
Aggiornato: 00:04
Temi caldi

Pnrr, Confindustria servizi innovativi: 'Non diventi strumento per limitare concorrenza'

27 gennaio 2022 | 16.12
LETTURA: 2 minuti

alternate text

"Il Pnrr deve essere strumento per rilanciare non solo riforme strutturali che il nostro Paese attende da decenni ma anche leva per promuovere la crescita competitiva del nostro Sistema imprenditoriale". Ad affermarlo in una nota è Lorenzo D’Onghia, il vice presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici. "Il rischio che vediamo invece è che si concentrino le risorse e la capacità di intervento-tecnico operativo nelle società in house della Pubblica Amministrazione, deprimendo la capacità di sviluppo proprio del tessuto delle nostre Pmi, quello che va rinforzato", sottolinea.

E' quanto è previsto agli art. 9 e 10 del Dl 77/2021 sulla Governance del Pnrr con il quale viene ampliata l'area applicativa del ricorso all'in house providing, autorizzando di fatto le amministrazioni pubbliche ad avvalersi, attraverso apposite convenzioni, "del supporto tecnico - operativo di società in house qualificate ai sensi dell'art. 38 del Decreto legislativo 18 aprile 2016, n.50”, introducendo una disciplina ad hoc che deroga all'art. 192 del Codice dei contratti pubblici e consente il ricorso agli affidamenti in house anche per servizi disponibili sul mercato.

"Scelte di semplificazione e di governance a beneficio di un buon esito del Pnrr - sottolinea D’Onghia - non possono e non devono travalicare le regole generali della concorrenza e del buon funzionamento del mercato. Mentre il Pnrr può essere la giusta occasione per favorire la partecipazione delle medie e piccole imprese, le più qualificate. Rimaniamo fortemente convinti che sia indispensabile preservare e garantire una sana concorrenza, che stimola la competizione tra le imprese, proprio per offrire i migliori servizi alla Pa, imprese e cittadini; ed altrettanto convinti che la Pa debba svolgere le sue funzioni di indirizzo, vigilanza e controllo, evitando di occupare spazi che non le competono per ruolo e compiti". Il Pnrr, conclude D’Onghia, "sempre ottimizzando l’utilizzo delle risorse disponibili, deve far leva sul mercato privato, valorizzando le capacità di innovazione e le competenze delle imprese di servizi e favorendo la sana collaborazione e le partnership pubblico-private".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza