cerca CERCA
Sabato 19 Giugno 2021
Aggiornato: 00:02
Temi caldi

Presidente filippino insulta Obama: "Figlio di p...". Lui replica: "Uomo pittoresco"

05 settembre 2016 | 17.07
LETTURA: 3 minuti

alternate text
(Afp) - AFP

Potrebbe saltare il vertice bilaterale previsto martedì in Laos, tra il presidente americano Barack Obama e il capo di Stato filippino, Rodrigo Duterte. I due leader avrebbero dovuto incontrarsi a margine del summit dei Paesi del Sudest asiatico (Asean), ma alla luce delle ultime dichiarazioni rilasciate oggi da Duterte, il leader della Casa Bianca ha chiesto al suo staff di valutare se il faccia a faccia possa essere ancora "produttivo".

In una conferenza stampa indetta alla vigilia della sua partenza per il Laos, il numero uno di Manila ha apostrofato Obama con "figlio di p...". Rispondendo alla domanda di un reporter su come avrebbe spiegato al presidente Usa l’alto numero di omicidi extragiudiziali avvenuti nel Paese dopo la sua elezione, Duterte ha messo in guardia Obama e gli altri leader stranieri dal mettere in discussione la sua campagna antidroga.

"Tu - ha detto Duterte direttamente a Obama - devi essere rispettoso. Non solo lanciare domande e dichiarazioni. Figlio di p...., io ti insulterò in quella riunione". E ha aggiunto: "Nessuno dovrebbe interferire. Questo è un Paese indipendente. Nessuno ha il diritto di darmi lezioni. Ci rotoleremo nel fango come maiali, se tu mi fai una cosa del genere".

"E' chiaramente un uomo pittoresco", ha commentato dal canto suo con aplomb Obama da Hangzhou, in Cina, aggiungendo che i suoi collaboratori stanno valutando se sia "realmente proficuo" per i due leader incontrarsi. "Riconosciamo l'onere significativo che il traffico di droga svolge non solo nelle Filippine, ma in tutto il mondo e la lotta contro il narcotraffico è dura", ha detto il leader Usa. Tuttavia, ha affermato, "noi affermeremo sempre la necessità di avere un giusto processo e che la lotta contro la droga avvenga coerentemente con le norme internazionali".

Secondo le statistiche della polizia, 1.011 tossicodipendenti e sospetti spacciatori sono stati uccisi in corso di operazioni dal 1° luglio al 4 settembre e le autorità la polizia hanno anche registrato 1.391 morti che sono ancora in fase d'indagine.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza