cerca CERCA
Venerdì 25 Novembre 2022
Aggiornato: 10:30
Temi caldi

Preso come addetto stampa co.co.co,ma "era dipendente": condannati Pd Lecce e Bellanova

14 settembre 2022 | 11.36
LETTURA: 1 minuti

Depositata la sentenza della Corte di appello del tribunale del Lavoro: "Studente a partita Iva ma di fatto era rapporto di lavoro subordinato"

alternate text
Fotogramma

Il Pd provinciale di Lecce ha utilizzato per poco più di tre anni, tra il 2010 e il 2013, uno studente universitario come addetto stampa, tenendolo come co.co.co e a partita iva per 1.200 euro lordi al mese, mentre di fatto era un dipendente del partito, con un “rapporto di lavoro subordinato”. Per questo la sezione lavoro della Corte di appello di Lecce lo ha condannato a pagare a Maurizio Pascali oltre 50mila euro, di cui 6.700 in solido con l’ex ministro Teresa Bellanova.

“L’attività di Pascali era meramente esecutiva delle richieste degli esponenti del Pd, rispetto ai quali si poneva come interfaccia – scrivono i giudici – con gli organi di stampa locale, anche monitorando e segnalando la pubblicazione di interventi di soggetti di diverso orientamento politico ai quali il Pd potesse replicare (…). L’apporto di Pascali si connotava per continuità temporale e per coordinamento attesa la stretta correlazione con gli input degli esponenti del partito resa ostensibile anche dall’utilizzo di una postazione di lavoro nonché di una utenza telefonica fissa” si legge.

Lo studente poi, “oltre a interessarsi della comunicazione del Pd provinciale", “fu direttamente chiamato dall’onorevole Bellanova per integrare il suo personale staff in vista delle elezioni nazionali indette per quell’anno”, si spiega nella sentenza di appello che risale allo scorso giugno ma che è stata depositata in questi giorni nell’ambito di un altro processo che riguarda tra gli altri Pascali e Bellanova.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza