cerca CERCA
Martedì 19 Ottobre 2021
Aggiornato: 02:33
Temi caldi

Renzi a Kiev: "Rispettare indipendenza e sovranità dell'Ucraina"

04 marzo 2015 | 14.40
LETTURA: 3 minuti

Conferenza stampa del premier con il presidente Poroshenko: "Monitorare il cessate il fuoco, controllare i confini e le frontiere. E' un compito decisivo per la pace". Il premier ha ribadito "tutta la volontà" dell'Italia a "continuare a collaborare" per una soluzione della crisi

alternate text
Matteo Renzi con Petro Poroshenko (Foto Instangram

L'Europa deve compiere ogni sforzo per rendere duratura la tregua tra Mosca e Kiev, sancita dagli accordi di Minsk, impegnandosi al tempo stesso per la sovranità e l'indipendenza dell'Ucraina e prestando la massima attenzione alla "fondamentale" questione economica. Così il premier Matteo Renzi, dopo il colloquio, a Kiev, con il presidente ucraino Petro Poroshenko, che ha ringraziato il presidente del Consiglio italiano per il sostegno "molto fermo e forte" ricevuto. Nel pomeriggio Renzi sarà a Mosca per incontrare il presidente russo Vladimir Putin.

"Tutti - ha detto Renzi - vogliamo il rispetto dell'indipendenza e della sovranità dell'Ucraina. Siamo totalmente impegnati e interessati a che torni la pace in questo pezzo straordinario della nostra Europa. Laddove non c'è pace in Europa la minaccia è per tutti. Se non c'è pace il contagio non fatica ad allargarsi".

Occorre impegnarsi affinché gli accordi di Minsk dispieghino a pieno i propri effetti. "Monitorare il cessate il fuoco, controllare i confini e le frontiere. Nella missione Osce - ha rilevato Renzi - l'Italia è il secondo gruppo per nazionalità, tra gli uomini e donne chiamati a monitorare. E' un compito decisivo per la pace. Dobbiamo procedere il più velocemente possibile verso una pace stabile e faremo ogni sforzo perché gli accordi di Minsk possano trovare piena efficacia e implementazione. Voglio ringraziare Hollande e Merkel per la tenacia che hanno messo per raggiungere il risultato degli accordi", ha sottolineato il premier.

La questione economica, ha affermato Renzi, resta fondamentale: "L'Ucraina è un paese ricco che deve tornare a crescere, e faremo di tutto con le aziende e le banche italiane, forti in questa terra, per dare il maggiore apporto possibile" in termini di "tecnologia ed expertise" e anche partecipando alle privatizzazioni annunciate da Poroshenko. Il premier ne ha parlato ieri in videoconferenza con Obama, Merkel, Hollande, Cameron e Tusk, sottolineando la grande rilevanza in ambito europeo della situazione economica ucraina.

"L'Europa e tutti i partner - ha detto - devono dare attenzione alla situazione economica. Per questo abbiamo sottolineato l'importanza delle relazioni bilaterali, con le aziende italiane pronte a fornire tecnologia ed expertise", ed è fondamentale che nel quadro dell'accordo di cooperazione "i lavori dei rispettivi parlamenti vadano avanti".

Renzi ha assicurato "tutti gli sforzi del nostro popolo al fianco della leadership saggia di Petro, convinti che farà le riforme istituzionali ed economiche di cui c'è bisogno: le aziende italiane parteciperanno alle privatizzazioni".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza