cerca CERCA
Domenica 09 Maggio 2021
Aggiornato: 10:26
Temi caldi

Riforestazione e packaging compostabile, l'impegno green di Misura

21 aprile 2021 | 12.11
LETTURA: 2 minuti

alternate text

In occasione della Giornata della Terra, nata 51 anni fa per sottolineare la necessità di tutelare e conservare le risorse naturali del pianeta, Misura, il brand del Gruppo Colussi, ricorda il suo impegno sul fronte della sostenibilità.

"La svolta più radicale è stata sulla riduzione della plastica usa e getta - ricorda l'azienda - grazie allo sviluppo di soluzioni innovative che trasformano, in un’ottica di economia circolare, i rifiuti degli imballaggi alimentari in compost che fertilizza i suoli, oppure in confezioni completamente riciclabili. E’ stata così la prima azienda alimentare a livello internazionale che ha scelto il compostabile per i prodotti da scaffale, una confezione che mantiene inalterata la qualità di prodotti che mediamente devono durare a lungo sugli scaffali dei negozi, fuori dal banco frigo. Questa strategia, insieme alla sostituzione della plastica con la carta certificata Fsc, porterà entro il 2021 all'eliminazione di oltre 25 milioni di confezioni di plastica".

"Il comparto agroalimentare - spiega Massimo Crippa, direttore commerciale del Gruppo Colussi - anche in questo anno difficilissimo, sì è dimostrato strategico per l’economia italiana e a maggior ragione ha la responsabilità di essere un modello per dimostrare che il cambiamento radicale e la ripartenza possono partire proprio da qui. Essere apprezzati per la qualità dei prodotti non può essere più un unico obiettivo. Oggi il piacere del mangiar bene e dello stare bene non devono far crescere il rischio di un danno climatico e ambientale. Per questo si è investito per migliorare la sostenibilità della produzione a 360 gradi".

Inoltre, Misura ha realizzato un grande progetto di forestazione in Italia, piantando alberi in dieci aree in nove Regioni. Sono stati scelti progetti più vicini alle esigenze delle comunità locali a Torino, Milano, Pordenone, Santarcangelo di Romagna, Palo Laziale, Roma, nel parco nazionale del Vesuvio e in quello del Gargano, nei calanchi di Matera.

In totale sono stati messi a dimora 13.400 alberi, per un totale di 9.380 tonnellate di CO2 assorbita. I progetti hanno obiettivi di vario genere: tenuta dei terreni, bonifica dei suoli, ricerca delle essenze più adatte per contrastare le isole di calore cittadine e l’inquinamento atmosferico.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza