cerca CERCA
Mercoledì 25 Maggio 2022
Aggiornato: 14:44
Temi caldi

Roma, panorama Gianicolo addio: terrazza ostaggio di camion bar ed erbacce

25 maggio 2017 | 15.45
LETTURA: 4 minuti

alternate text
(AdnKronos)

AAA, panorama del Gianicolo cercasi. Per chi aspira ad ammirare una delle viste più famose della Città Eterna il rischio di restare deluso è dietro l'angolo. La situazione che si presentava solo ieri ai tanti turisti curiosi di guardare Roma dall'alto da uno dei suoi Colli era questa: arbusti, ormai altissimi, che, sotto lo storico muretto di piazza Garibaldi, ostruivano quasi del tutto la veduta di una delle terrazze più suggestive della Capitale, meta privilegiata di visitatori e innamorati. Scene di ordinaria amministrazione per i cittadini romani che hanno ormai imparato a convivere, loro malgrado, con l'incuria ma più difficili da spiegare a chi, estraneo a certe logiche, arriva nella Capitale dall'altro capo del mondo. (FOTO)

E non va meglio se ci si guarda intorno: con l'estate alle porte sono rispuntati diversi camion bar che occupano entrambi i lati della piazza. Imbarazzante anche la manutenzione dei giardini che ospitano i busti dei patrioti italiani e stranieri che combatterono per l'Italia unita: monumento di Giuseppe Garibaldi a parte, a onorare la memoria di Goffredo Mameli o Luciano Manara, di Tommaso Salvini o Carlo Pisacane, ci pensano cartacce immerse nell'erba alta. Ma potrebbe andare male anche a chi spera di rimediare spostandosi alla terrazza del 'Fontanone': se almeno lì il panorama è salvo, ai più sfortunati può capitare di trovarsi ad ammirare una fontana vuota, senza acqua, causa "pulizie in corso" anche se è l'una di pomeriggio. "La situazione al Gianicolo è disastrosa", dice all'Adnkronos la presidente del Municipio I Sabrina Alfonsi.

"Ci sono dei problemi che riguardano tutti e due gli appalti sul verde e nessuno dei due è partito: da una parte l'appalto per la potatura e la sistemazione degli alberi che doveva avvenire dopo quello per il monitoraggio, iniziato dall'allora assessore della giunta Marino Estella Marino e che ancora non ha visto la luce - spiega la minisindaco del centro storico - dall'altra l'appalto successivo di potatura degli alberi che ogni mese viene dato per certo che stia per iniziare ma che di fatto non parte mai. Oltre a questo sulla terrazza c'è tutta la situazione del verde orizzontale: lì sono nati gli ailanti, cespugli infestanti che crescono più alti degli alberi, talmente infestanti che stanno distruggendo tutto il giardino".

"Nella prima metà di aprile abbiamo avuto una riunione con l'assessore Montanari, riunione che si è fatta perché richiesta dal I Municipio - prosegue Alfonsi - In quella circostanza ci è stato detto che le gare europee sarebbero partite a maggio, il che è già imbarazzante, ma oltretutto a oggi non sono state aperte. Poi ci hanno detto che avrebbero assunto 20-30 persone al Servizio Giardini ma ad oggi di tutto questo non si vede niente e si continua con gli appalti ponte che non si capisce come intervengono perché ormai neanche le emergenze si riescono a gestire".

"Io lo denuncio da ancor prima dell'arrivo della sindaca Raggi: i soldi dei contribuenti messi per il verde purtroppo vengono sistematicamente buttati perché non c'è manutenzione. Basti pensare a giardini di Colle Oppio e di largo Cairoli: due giardini che erano stati risistemati e che oggi sono tornati come prima, non ce lo possiamo permettere".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza