cerca CERCA
Sabato 01 Ottobre 2022
Aggiornato: 08:10
Temi caldi

Salman Rushdie, attentatore: "No contatti con Pasdaran, Versetti? Lette due pagine"

17 agosto 2022 | 20.30
LETTURA: 1 minuti

"Rushdie non mi piace come persona. Non penso che sia una persona buona. Ha attaccato l'Islam, il credo della religione"

alternate text
Fotogramma

L'attentatore di Salman Rushdie, che dei "Versetti satanici" ammette di aver letto solo "un paio di pagine", nega di essere in contatto con i Guardiani della rivoluzione iraniani e assicura di aver decido di recarsi a Chautauqua solo dopo aver letto un tweet in cui si dava notizia della visita dello scrittore. Hadi Matar ha ricostruito di aver preso un autobus per Buffalo il giorno prima dell'assalto e poi un passaggio con il servizio Lyft fino a Chautauqua, dove si è aggirato senza far niente e ha dormito in un prato.

"Rushdie non mi piace come persona. Non penso che sia una persona buona. Ha attaccato l'Islam, il credo della religione", ha aggiunto in una intervista dal carcere della contea di Chautauqua al New York Post il 24enne del New Jersey, un fanatico ispirato dall'Ayatollah Khomeini che aveva pronunciato la fatwa contro Rushdie nel 1989. "Rispetto l'Ayatollah. Penso che sia un grande. E' tutto quello che dirò", ha aggiunto, dopo aver precisato di aver visto numerosi video di conferenze di Rushdie su youtube.

Matar, originario del Libano del Sud, non ha risposto alle domande sul suo viaggio in Medio Oriente del 2018 per incontrare il padre. Una visita che, come ha testimoniato la madre, Silvana Fardos, "lo ha cambiato". Da allora passava le sue giornate chiuso in cantina a navigare su Internet.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza