cerca CERCA
Venerdì 16 Aprile 2021
Aggiornato: 21:42
Temi caldi

Social network, media e magazine online: i confini tra informazione e diffamazione

24 febbraio 2021 | 16.04
LETTURA: 3 minuti

L’appuntamento, inizialmente previsto per il 25 febbraio, ha subito uno slittamento con conseguente riprogrammazione a Lunedì 15 Marzo.

Nuovo appuntamento con la rubrica Dialoghi Penali del Centro Studi Borgogna – Lunedì 15 marzo, in diretta web alle ore 17.00 – dal titolo “Social network, media & magazine online: i confini tra informazione e diffamazione” nel quale si discuterà del confine sottile che vi è tra diritto di cronaca ed il reato di diffamazione nel mondo social.

Sarà presente per i saluti iniziali Fabrizio Ventimiglia, Avvocato penalista e Presidente CSB. A moderare l’incontro sarà Manuela Donghi (Giornalista e Head of Channel Le Fonti TV). Parteciperanno, in qualità di Relatori: Francesca Brunati (Giornalista Ansa), Paolo Grasso (Avvocato Penalista) e Ambrogio Moccia (Magistrato, già Presidente della Quinta Sezione Penale del Tribunale di Milano).

Nel XXI secolo, comunicare è diventato sempre più semplice e veloce. Una notizia pubblicata sul web, un post su un social network, un commento su una chat di un gruppo su “Facebook” o “Whatsapp”, sono in grado di raggiungere facilmente un numero elevato di persone. La velocità con cui si diffondono le informazioni pubblicate sul web, spesso a prescindere dalla loro effettiva veridicità, può risultare però alquanto pericolosa ogniqualvolta l’oggetto del messaggio diffuso abbia carattere denigratorio ed infamante nei confronti del suo destinatario.

“I social network sono un fenomeno positivo ma danno diritto di parola anche a legioni di imbecilli che prima parlavano solo al bar dopo un bicchiere di vino, senza danneggiare la collettività. Ora questi imbecilli hanno lo stesso diritto di parola dei Premi Nobel", così il Filosofo Umberto Eco attaccava internet dopo aver ricevuto la laurea honoris causa in “Comunicazione e Cultura dei media”.

La Carta dei Doveri del Giornalista nella sua premessa riconosce che “il commento e l'opinione appartengono al diritto di parola e di critica e, pertanto, devono essere assolutamente liberi da qualsiasi vincolo, che non sia quello posto dalla legge per l'offesa e la diffamazione delle persone”.

Viene dunque fatto riferimento, nella Carta dei Doveri, all’art. 21 della Costituzione, che sancisce la manifestazione della libertà di pensiero e all’art. 595 c.p. che disciplina il reato di diffamazione.

Obiettivo dell’incontro è quello di richiamare l’attenzione sul tema, offrendosi quale occasione di confronto, approfondimento e discussione tra esperti del settore.

Sarà possibile seguire la diretta sulla pagina Facebook e sul canale YouTube del Centro Studi Borgogna.

A proposito di centro Studi Borgogna

Nata nel 2017 da un’idea dell’Avv. Fabrizio Ventimiglia, il Centro Studi Borgogna è una Associazione di Promozione Culturale che opera come un laboratorio giuridico e di idee per promuovere la cultura del diritto, ispirandosi ai principi di etica, onestà e legalità, nell’ottica di contribuire al dibattito sulle principali questioni sensibili del nostro Paese. Le attività proposte dal Centro Studi Borgogna si prefiggono diversi obiettivi: promuovere il confronto tra mondi diversi arrivando a trasformare le riflessioni comuni in proposte praticabili; perseguire le finalità di promozione sociale e culturale; contribuire alla formazione dei professionisti nelle discipline giuridiche; promuovere l’amicizia, la cultura, la solidarietà e l’etica sul territorio milanese e nazionale. Al fine di perseguire tali obiettivi, l’Associazione Centro Studi Borgogna organizza conferenze, convegni e momenti formativi di varia natura; crea rapporti di collaborazione e sinergia con Università, Istituti di Ricerca e altri enti aventi finalità scientifiche; promuove la pubblicazione di documenti di approfondimento sui temi di diritto applicato; organizza eventi charity.

Per informazioni alla stampa:

Alessio Masi, Adnkronos Comunicazione

Mob. 3425155458; E-Mail: alessio.masi@adnkronos.com

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza