cerca CERCA
Domenica 19 Settembre 2021
Aggiornato: 00:09
Temi caldi

Roma

"Sporca e inquinata", i rischi dell'acqua razionata

25 luglio 2017 | 14.31
LETTURA: 2 minuti

alternate text
(Foto Adnkronos)

di Federica Mochi

Davvero c'è il rischio dell'acqua razionata a Roma? Il pericolo non è ancora scongiurato. Regione, Comune e Acea stanno cercando di trovare una soluzione, ma l'ipotesi di razionamenti a turno in alcuni quartieri della Capitale è ancora viva. Ma cosa accadrebbe se la Capitale dovesse trovarsi con i rubinetti a secco e quali sarebbero le conseguenze per i romani? A spiegarlo all'AdnKronos è Catello Masullo, ingegnere idraulico e docente universitario.

"Arrivare a razionare l'acqua a Roma sarebbe uno smacco perché non è mai successo - afferma Masullo - Gli acquedotti oggi sono dei veri colabrodo, perché non viene fatta manutenzione e non si investe. Se una persona turna l'acqua (la chiude, ndr) i tubi si svuotano. Quando ciò accade i tubi vanno in depressione e iniziano a succhiare l'acqua che si trova nel terreno circostante".

Questo, spiega l'ingegnere, avviene perché ci sono dei buchi dai quali oggi esce l'acqua potabile. "La garanzia igienica di un acquedotto è data dal fatto che l'acqua è in pressione, ossia che nel tubo esercita una certa pressione, che è quella che la fa risalire nei palazzi - prosegue Masullo - in questa maniera l'acqua può uscire dall'acquedotto ma non rientrare". Questo perché l'acqua che sta attorno ai tubi è sporca, inquinata. Se si iniziano a fare le turnazioni a Roma, "per la prima volta - rimarca l'ingegnere - esisterà la possibilità concreta che i tubi vadano in depressione, succhiando dentro acqua sporca, e potrebbe essere pericoloso". Per Masullo è fondamentale quindi, che la rete di Roma "venga mantenuta sempre in pressione con l'acqua necessaria".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza