Cerca
Home . Sport .

Addio di De Rossi scuote il Parlamento: club sotto accusa

SPORT
Addio di De Rossi scuote il Parlamento: club sotto accusa

Se anche un super tifoso della Juventus come Filippo Sensi, deputato del Pd, posta su Twitter una foto di Daniele De Rossi con un lapidario "rispetto" come commento, vuol dire che l'addio alla Roma del suo capitano è caso di cui discutere anche in Parlamento. Spinti dalla passione per i colori della squadra del cuore, i parlamentari/tifosi giallorossi non hanno avuto dubbi: si sono schierati con decisione dalla parte di DDR puntando il dito contro la dirigenza di Trigoria.


Una dei più decisi è Maurizio Gasparri: "'Un estraneo alla Roma, Pallotta con i suoi impiegati, calpesta una bandiera di Roma e della As Roma come De Rossi. Pallotta fai il costruttore e lascia la Roma. Vergogna!", ha scritto il senatore di FI su Twitter. Da Montecitorio, anche Roberto Giachetti non la tocca piano: "In una società traversata da quaquaraquà oggi Daniele De Rossi ha dimostrato cosa vuol dire essere una persona seria, rigorosa, di valore. Un uomo, prima ancora di un calciatore, che continua ad insegnarci il valore della dignità -ha scritto su Facebook il deputato del Pd-. E se qualcuno pensa che questo sia estraneo alla politica, si sbaglia. È un modello di rigore umano applicabile alla vita, a 360 gradi".

L'ex ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan ha scelto invece una intervista a 'Huffington post' per dire chiaramente come la pensa: "De Rossi, viste le sue qualità, poteva ancora dare un contributo importante" e "la strategia della società mi sembra poco chiara”, argomenta tra l'altro il deputato del Pd.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.