cerca CERCA
Domenica 28 Novembre 2021
Aggiornato: 10:32
Temi caldi

Turchia: Erdogan rompe il silenzio, subito governo di coalizione

11 giugno 2015 | 12.22
LETTURA: 2 minuti

"Rispettare la volontà del popolo"

alternate text
Infophoto - INFOPHOTO

"Formare al più presto un governo di coalizione". Con questo appello il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha rotto un silenzio cominciato quattro giorni fa, quando il suo partito Akp, alle elezioni di domenica scorsa, ha perso la maggioranza assoluta dei seggi in parlamento. "Tutti - ha detto, intervenendo a una cerimonia di diploma degli studenti internazionali ad Ankara - devono rispettare la volontà del popolo" e agire in modo responsabile in nome della stabilità del paese.

"Grazie a Dio, quelli che sognano il caos in Turchia resteranno delusi", ha proseguito Erdogan, affermando che il paese "resta sulla strada giusta" e criticando i "media occidentali" per le "orribili" critiche che gli hanno rivolto. "L'ego di ciascuno deve essere messo da parte - ha aggiunto - e un governo deve essere formato al più presto".

Ieri Erdogan, ex premier e fondatore dell'Akp, ha incontrato Deniz Baykal, parlamentare ed ex leader del partito laico e kemalista Chp. Al termine dell'incontro, Baykal ha affermato che Erdogan "sembra disponibile a ogni tipo di coalizione" di governo. Ma Selahattin Demirtas, leader del partito curdo Hdp, che alle elezioni ha superato la soglia di sbarramento mettendo in difficoltà l'Akp, ha affermato che il suo partito è pronto a valutare ogni forma di coalizione di governo, ma non con l'Akp di Erdogan.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza