cerca CERCA
Domenica 01 Agosto 2021
Aggiornato: 10:21
Temi caldi

Usa 2016, Trump vince in Nevada: "Avremo numeri straordinari al super martedì"

24 febbraio 2016 | 07.35
LETTURA: 3 minuti

alternate text
Donald Trump in Nevada (Foto Afp) - AFP

Donald Trump vince anche in Nevada e prevede "numeri straordinari" al Super Tuesday, il super martedì elettorale in cui, la prossima settimana, i repubblicani voteranno in 11 Stati. "Amiamo il Nevada, questo è un posto magnifico", ha detto ancora il miliardario newyorkese nel discorso della vittoria, la terza consecutiva, dopo New Hampshire e South Carolina, nelle primarie repubblicane.

La vittoria è stata così netta che i network americani hanno dichiarato Trump vincitore già pochi minuti dopo la fine dei caucus: secondo i risultati ancora provvisori, il front runner ha ottenuto il 42,6% dei voti, distanziando Marco Rubio, al 25,1%, e poi Ted Cruz, 20,1%.

Ma il dato più interessante forse arriva dagli exit poll che indicano come la maggioranza degli elettori che hanno partecipato ai caucus repubblicani, il 57%, si dice "arrabbiato" con il governo federale.

"Saranno due mesi straordinari, e potremo non avere bisogno neanche di due mesi, ad essere onesti", ha detto Trump dopo la facile vittoria in Nevada, dicendosi convinto di poter avere la nomination repubblicana in tasca in meno di due mesi. "Stiamo vincendo, vincendo, vincendo e presto il Paese comincerà a vincere, vincere, vincere", ha detto ancora alla folla di sostenitori che hanno festeggiato la sua vittoria ai caucus repubblicani in Nevada.

Trump ha poi rivendicato il fatto di aver avuto il sostegno di tutti i gruppi di elettori: "Abbiamo vinto tra gli evangelici, tra i giovani, i vecchi, quelli con un'alta istruzione, quelli con una bassa istruzione, ed io amo le persone poco istruite", ha affermato. "Lo sapete la cosa che mi fa più felice? L'aver ottenuto il 46% del voto ispanico, sono il numero uno con gli ispanici", ha poi aggiunto, con una bordata ai suoi avversari Marco Rubio e Ted Cruz, entrambi di origine cubana. Il discorso della vittoria è stato sfruttato da Trump anche per criticare il piano annunciato ieri da Barack Obama per chiudere Guantanamo: se verra eletto presidente il miliardario non solo manterrà aperta la prigione nella base militare americana a Cuba ma anche "la riempirà di brutti ceffi".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza