cerca CERCA
Lunedì 27 Giugno 2022
Aggiornato: 05:08
Temi caldi

Zona gialla e arancione, scende livello di rischio in 5 Regioni: le regole

13 dicembre 2020 | 07.42
LETTURA: 4 minuti

alternate text
(Fotogramma)

Basilicata, Calabria, Lombardia e Piemonte zona gialla da oggi, zona arancione per l'Abruzzo. E' infatti in vigore la nuova ordinanza firmata dal ministro della Salute, Roberto Speranza, con le ulteriori misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da Covid-19.

Ecco come si presenta attualmente la mappa del nostro Paese in base ai colori delle regioni: in area gialla sono Basilicata, Calabria, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Provincia autonoma di Trento, Puglia, Sardegna, Sicilia, Umbria, Veneto; in area arancione Abruzzo, Campania, Provincia Autonoma di Bolzano, Toscana, Valle d’Aosta; dunque nessuna regione è in zona rossa.

Nelle Regioni in area gialla sono in vigore le seguenti misure di contenimento, disposte dal Dpcm del 3 dicembre 2020:

coprifuoco dalle 22 alle 5 del mattino salvo comprovati motivi di lavoro, necessità e salute, con la raccomandazione di non spostarsi se non per motivi di salute, lavoro, studio, situazioni di necessità;

chiusura dei centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi ad eccezione delle farmacie, parafarmacie, punti vendita di generi alimentari, tabaccherie ed edicole al loro interno;

didattica a distanza per le scuole superiori, fatta eccezione per gli studenti con disabilità e in caso di uso di laboratori; a decorrere dal 7 gennaio 2021, al 75% degli studenti delle scuole superiori deve essere garantita l'attività didattica in presenza. Per scuole dell'infanzia, scuole elementari e scuole medie è invece già prevista la didattica in presenza;

nelle università le attività formative e curricolari si svolgono a distanza; possono svolgersi in presenza le sole attività formative degli insegnamenti relativi al primo anno dei corsi di studio ovvero rivolte a classi con ridotto numero di studenti, quelle dei laboratori;

riduzione dei passeggeri fino al 50% sui mezzi di trasporto pubblico, ad eccezione dei mezzi di trasporto scolastico;

nei servizi di ristorazione (bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie) prevista l'interruzione della somministrazione in sede dalle 18, mentre resta consentito l'asporto dalle 5 fino alle ore 22. Per la consegna a domicilio non ci sono restrizioni;

restano chiusi piscine, palestre e centri benessere;

gli impianti sciistici sono chiusi per gli sciatori amatoriali. Dal 7 gennaio 2021, gli impianti saranno aperti agli sciatori amatoriali, solo dopo l'adozione di apposite linee guida da parte della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome e validate dal Comitato tecnico scientifico, rivolte a evitare aggregazioni di persone e, in genere, assembramenti;

chiusi musei e mostre, teatri, cinema e sale da concerto;

sospese le attività di sale giochi, sale scommesse, sale bingo (anche nei bar e nelle tabaccherie);

chiuse sale da ballo e discoteche.

Queste le misure in vigore nelle Regioni in area arancione:

coprifuoco dalle 22 alle 5 del mattino salvo comprovati motivi di lavoro, necessità e salute;

vietati gli spostamenti in entrata e in uscita da una Regione all'altra e da un Comune all'altro, salvo per comprovati motivi di salute, lavoro, studio e situazioni di necessità;

sospese le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie) 7 giorni su 7, mentre resta consentito l'asporto fino alle ore 22, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze; per la consegna a domicilio non ci sono restrizioni;

chiusura dei centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi ad eccezione delle farmacie, parafarmacie, punti vendita di generi alimentari, tabaccherie ed edicole al loro interno;

didattica a distanza per le scuole superiori, fatta eccezione per gli studenti con disabilità e in caso di uso di laboratori; a decorrere dal 7 gennaio 2021, al 75% degli studenti delle scuole superiori deve essere garantita l'attività didattica in presenza. Per scuole dell'infanzia, scuole elementari e scuole medie è invece già prevista la didattica in presenza;

nelle università le attività formative e curricolari si svolgono a distanza; possono svolgersi in presenza le sole attività formative degli insegnamenti relativi al primo anno dei corsi di studio ovvero rivolte a classi con ridotto numero di studenti, quelle dei laboratori;

riduzione dei passeggeri fino al 50% sui mezzi di trasporto pubblico, ad eccezione dei mezzi di trasporto scolastico;

restano chiusi piscine, palestre e centri benessere;

gli impianti sciistici sono chiusi per gli sciatori amatoriali. Dal 7 gennaio 2021, gli impianti saranno aperti agli sciatori amatoriali, solo dopo l'adozione di apposite linee guida da parte della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome e validate dal Comitato tecnico scientifico, rivolte a evitare aggregazioni di persone e, in genere, assembramenti;

chiusi musei e mostre, teatri, cinema e sale da concerto;

sospese le attività di sale giochi, sale scommesse, sale bingo (anche nei bar e nelle tabaccherie);

chiuse sale da ballo e discoteche.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza