Home . Salute . Giovani maschi 'mutanti', altezza e fertilità modificati dall'inquinamento

Giovani maschi 'mutanti', altezza e fertilità modificati dall'inquinamento

SALUTE
Giovani maschi 'mutanti', altezza e fertilità modificati dall'inquinamento

Foto d'archivio (FOTOGRAMMA)

Ventenni più alti, con braccia lunghe, meno fertili e più 'femminili' per colpa dell'inquinamento ambientale. Uno studio dell'Università di Padova segnala l'aumento dell'altezza, la riduzione del volume dei testicoli e del numero degli spermatozoi e una ridotta androgenizzazione nei giovani maschi, "che possiamo definire 'mutanti'. Insomma l'ambiente modifica i caratteri sessuali e la fertilità degli uomini del III millennio". Lo spiega all'Adnkronos Salute Carlo Foresta, coordinatore di uno studio eseguito dai ricercatori della Unità di Andrologia e Medicina della Riproduzione dell’Università di Padova.

Se ne parlerà il 24 febbraio ad Abano Terme al XXXII convegno di Medicina della riproduzione presso il Centro Congressi Pietro d'Abano. L'ambiente si sta progressivamente arricchendo di prodotti inquinanti, principalmente di plastica e dei suoi prodotti di degradazione. "A causa di questi abbiamo introdotto un nuovo termine nel mondo della medicina, gli interferenti endocrini: sostanze in grado di interagire o interferire con la normale azione ormonale portando a effetti avversi sulla salute. L’uomo e gli animali possono essere esposti, tramite le acque, l’alimentazione e altre fonti, a un’ampia gamma di queste sostanze", ricordano i ricercatori padovani.

I materiali plastici e i loro derivati contengono agenti chimici che svolgono un'azione simil-estrogenica nel nostro organismo e, secondo recenti ipotesi, aumenterebbero l’incidenza di patologie andrologiche osservata negli ultimi venti anni. In alcune specie animali, particolarmente esposte a sostanze inquinanti, come evidenziato in alligatori e altre specie di rettili, pesci, uccelli e mammiferi, è stato osservato un incremento delle anomalie del sistema riproduttivo. In particolare, sono stati studiati i meccanismi attraverso cui gli interferenti endocrini sono in grado di indurre una più elevata frequenza di stati intersessuali ed ermafroditismo negli alligatori che vivono nei laghi inquinati della Florida.

Anche l'uomo sembra essere vittima di questi inquinanti e proprio a questi si attribuisce il documentato declino della produzione di spermatozoi negli ultimi venti anni. Il gruppo di ricerca coordinato da Foresta ha recentemente dimostrato che nei ventenni del terzo millennio, oltre alla riduzione della produzione degli spermatozoi, si osserva una variazione delle strutture corporee che sono indice di un alterato equilibrio degli ormoni testicolari, che può svilupparsi nella fase embrionale o nella fase adolescenziale.

Questi giovani, spiegano gli esperti in una nota, hanno una maggiore lunghezza degli arti rispetto al tronco, una riduzione del volume del testicolo e una riduzione della lunghezza del pene (-0.9 cm) rispetto a precedenti osservazioni. Tutti questi segni, anche se sfumati rispetto a quelli osservati nelle altre specie animali, depongono per una interferenza da parte dei composti chimici ambientali sulla produzione degli ormoni testicolari.

Durante il XXXII convegno di Medicina della riproduzione, i ricercatori di Padova riporteranno ulteriori risultati a sostegno di questa ipotesi, in particolare la misurazione della distanza ano-genitale in 311 ventenni, visitati all'interno di un progetto di screening. Questa misura rappresenta un importante indice di precoce alterazione della funzionalità testicolare. L'accorciamento della distanza ano-genitale esprime una ridotta attività degli ormoni testicolari in fase embrionale e durante lo sviluppo adolescenziale.

Questi giovani, nell’ambito del progetto di prevenzione andrologica, venivano sottoposti a ecografia testicolare, esame del liquido seminale e un'attenta valutazione antropometrica. La distanza ano-genitale era ridotta nei giovani che presentavano l’apertura delle braccia maggiore rispetto all'altezza. Inoltre, la minore distanza ano-genitale si associava a una maggiore lunghezza degli arti, ad un minor volume testicolare, ad una minore lunghezza del pene e ad una riduzione della concentrazione degli spermatozoi.

Questi risultati richiamano gli importanti cambiamenti intersessuali osservati in alcune specie animali, come gli orsi polari e gli alligatori dei laghi americani, che vivono in ambienti particolarmente inquinati ed attribuiti proprio agli interferenti endocrini. Le variazioni antropometriche individuate da questo studio "sono sicuramente molto sfumate, ma sono indicative di quanto l’ambiente stia incidendo anche sulle caratteristiche antropometriche dell’uomo", concludono gli autori.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI