Home . Salute . Medicina . Feci e blatte, sequestrate tonnellate di merce

Feci e blatte, sequestrate tonnellate di merce

MEDICINA
Feci e blatte, sequestrate tonnellate di merce

Immagine d'archivio (Fotogramma)

Due persone denunciate, due attività commerciali chiuse e 3665 kg di merce irregolare sequestrata. E' questo il bilancio di tre operazioni condotte dai Nas a Parma, Modena e Milano. Il Nucleo antisofisticazioni e sanità dei carabinieri ha ispezionato un’attività commerciale in provincia di Modena: durante il controllo i militari hanno rinvenuto 1.245 kg di coppa stagionata, stoccata all’interno di un capannone industriale di grandi dimensioni. Il sito, ubicato sul retro dell’edificio di lavorazione principale, non era autorizzato dall’autorità sanitaria e non idoneo dal punto di vista igienico sanitario, poiché la struttura presentava massive deiezioni di animali, principalmente di gatti e uccelli, anche in prossimità della macchina confezionatrice dei prodotti alimentari.

Durante la stessa ispezione, inoltre, i carabinieri hanno trovato all’interno di una cella frigorifera circa 2420 kg di zampe suine prive delle indicazioni obbligatorie afferenti la rintracciabilità. Gli operatori del Nas emiliano hanno sequestrato gli alimenti irregolari, deferito il legale rappresentante dell’attività all’Autorità giudiziaria e contestato sanzioni amministrative per un valore di 14.500 euro. L’azienda Usl di Modena inoltre, intervenuta sul posto su segnalazione dei militari, ha proceduto alla sospensione dell’attività. Il valore dei provvedimenti adottati è di 1.040.000 euro.

Il Nas di Milano ha proceduto alla chiusura immediata di una gelateria dell’hinterland della capitale lombarda per gravi carenze igienico sanitarie. All’atto dell’ispezione, infatti, i carabinieri hanno constato la presenza di blatte vive nel laboratorio di produzione. Il proprietario dell’attività è stato segnalato alla competente autorità sanitaria.

I carabinieri del Nas di Padova, infine, hanno deferito all’Autorità giudiziaria il legale rappresentante di un bar per aver somministrato bevande alcooliche a un minore degli anni 16, condotta di reato prevista dall’art. 689 del Codice Penale.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.