Home . Salute . Sanità . Enpam volta pagina, advisor e controlli icrociati per investimenti trasparenti

Enpam volta pagina, advisor e controlli icrociati per investimenti trasparenti

SANITÀ
Enpam volta pagina, advisor e controlli icrociati per investimenti trasparenti

Roma, 23 mag. (Adnkronos Salute) - Advisor esterni scelti con gare internazionali, manager interni qualificati con lunga esperienza nel mercato, scelte sottoposte a procedure certificate e controlli incrociati: è questo il nuovo modello di gestione degli investimenti dell'Enpam che oggi entra a pieno regime. La più grande cassa pensionistica privata italiana ha infatti completato l'ultimo tassello, lanciando la gara europea per nominare un investment advisor per tutto il suo patrimonio di circa 15 miliardi di euro.

La Cassa dei medici e degli odontoiatri ha anche rafforzato la propria struttura interna assumendo manager con una lunga esperienza nel mercato. A ricoprire il ruolo di Chief investment officer e responsabile del settore immobiliare è stato nominato Emilio Giorgi, in precedenza vice president di Merril Lynch International Bank, mentre il servizio degli investimenti finanziari è stato affidato a Pierluigi Curti, in precedenza Chief financial officer della Fondazione Roma.

Il percorso della nuova governance - spiegano gli esperti della Fondazione, che oggi a Roma ha organizzato una conferenza stampa per illustrare il piano - è cominciato nel 2011, quando l'attuale Consiglio di amministrazione decise di affermare un modello per gli investimenti per assicurare maggiore trasparenza e competenza e per superare le criticità del passato. Il meccanismo, messo a punto anche grazie a uno studio comparato dell'ex presidente del Consiglio Mario Monti, prevede un sistema di procedure e di controlli incrociati.

Il nuovo modello di governance degli investimenti funziona così: Il Consiglio di amministrazione è responsabile delle scelte di investimento. Ma prima di arrivare sul tavolo del Cda, tutte le proposte devono essere vagliate dalla struttura tecnica interna e dall'investment advisor esterno, seguendo procedure sul cui rispetto vigila il comitato per il controllo interno dell'Enpam, che è attualmente presieduto da un magistrato della Corte dei Conti. Tutti gli investimenti sono inoltre monitorati dal risk advisor, recentemente nominato a seguito di un'altra gara europea.

"Il nostro modello - spiega il presidente della Fondazione Enpam Alberto Oliveti - è ispirato alle migliori pratiche internazionali. Per questo incentiviamo la partecipazione anche di soggetti stranieri, compresi quelli che finora hanno avuto difficoltà a entrare nel mercato italiano".

Il nuovo modello riafferma la centralità della previdenza. "I soldi dell'Enpam - aggiunge Oliveti - servono a pagare le pensioni attuali e future, perciò la Fondazione deve fare scelte prudenti ed evitare investimenti tipici degli speculatori, che magari perseguono rendimenti elevati ma a costo di commissioni alte e di grandi rischi. Il ruolo del consiglio di amministrazione è proprio questo: assicurarsi che tutte le scelte siano coerenti con gli obiettivi previdenziali".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.