Home . Salute . Sanità . Influenza, l'allarme dei medici: "Più pesante del previsto, vaccinatevi"

Influenza, l'allarme dei medici: "Più pesante del previsto, vaccinatevi"

SANITÀ
Influenza, l'allarme dei medici: Più pesante del previsto, vaccinatevi

(Fotogramma)

E' allarme influenza, quest'anno, secondo i medici di famiglia che raccomandano: "Vaccinarsi al più presto è più che mai importante". Un invito rivolto agli italiani sempre più in fuga dal vaccino: si protegge da questa malattia stagionale ormai meno del 20% e tra gli anziani la percentuale è scesa dal 70% a meno del 50%. Intanto il nuovo virus influenzale del ceppo A/H3 è già arrivato, sbarcato in gommone dalla Libia, e minaccia di mettere in anticipo a letto 6 milioni di italiani. Questa volta molti in piena età lavorativa, tra i 50 e 60 anni, avvertono i medici di famiglia riuniti a Chia Laguna per il congresso nazionale della Fimmg.

"A far prevedere un'ondata influenzale più pesante del solito sono due fattori - spiega Tommasa Maio, segretario nazionale Fimmg Continuità assistenziale e che nel sindacato si occupa dei piani vaccinali - Il primo è il largo anticipo con cui quest'anno, già a fine agosto, è stato isolato il virus in un bambino nato in Marocco e proveniente dalla Libia. Fatto questo che ne prefigura una più ampia diffusione, soprattutto tra le persone non ancora vaccinate".

"In secondo luogo - prosegue Maio - i virus A/Hong Kong (H3N2) e B/Brisbane, isolati dall'Istituto superiore di sanità (Iss), contengono piccole mutazioni che predispongono a una maggiore circolazione dell'influenza. Questo perché né i bambini, né le persone a rischio che solitamente si vaccinano possiedono gli anticorpi che fungono da barriera alla malattia". I sintomi sono sempre gli stessi - infezioni alle vie respiratorie, con tosse e mal di gola, febbre anche alta, mal di testa e dolori alle articolazioni - e l'anno scorso hanno costretto a letto i pazienti in media per 6 giorni.

La 'banale' influenza ogni anno, secondo stime dell'Iss, provoca la morte di 8mila persone, soprattutto anziani, per le complicazioni come polmonite e broncopolmonite. "Per questo - invita la dottoressa - quest'anno è più che mai necessario vaccinarsi per tempo, soprattutto se si appartiene a una categoria a rischio: ultrasessantacinquenni, diabetici, immunodepressi, cardiopatici, malati oncologici, donne al secondo e terzo trimestre di gravidanza, solo per citare quelle più numerose".

Non solo. Il nuovo 'Calendario della vita' consiglia quest'anno la vaccinazione anche alle persone sane tra i 50 e i 60 anni, che a causa della mutazione del virus saranno più colpite dall'influenza. "Per loro il vaccino non è gratuito - ricorda Maio - ma è sempre meglio spendere una quindicina di euro che perdere 5-6 giorni di lavoro, tanto più se si appartiene al sempre più numeroso popolo delle partite Iva". Vaccino consigliato dai camici bianchi anche per i bambini sani, visto che l'influenza da 0 a 4 anni colpisce 10 volte più che tra gli anziani e 8 volte di più tra i 5 e i 14 anni.

Ci si può vaccinare dalla metà di ottobre fino a fine dicembre. Dopo anni di aumento della copertura vaccinale, secondo l'Iss gli italiani che si immunizzano contro l'influenza sono ormai meno del 20% e tra gli anziani la percentuale è scesa dal 70% a meno del 50%. "Colpa dei falsi allarmi sulle presunte contaminazioni di alcuni lotti due anni fa, ma soprattutto di bufale e falsi miti che sempre più frequentemente circolano su internet senza alcun controllo", ricordano i medici di famiglia della Fimmg, in campo contro "quest'onda lunga di anti-medicina".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI