Home . Salute . Sanità . "Staccare la spina al piccolo Isaiah", Strasburgo boccia ricorso genitori

"Staccare la spina al piccolo Isaiah", Strasburgo boccia ricorso genitori

SANITÀ
Staccare la spina al piccolo Isaiah, Strasburgo boccia ricorso genitori

(Fotogramma)

Nulla da fare per Isaiah Haastrup, il bambino inglese di 12 mesi con gravissimi danni al cervello, mantenuto in vita da un respiratore sin dalla nascita. La Corte europea per i diritti dell'uomo di Strasburgo ha dichiarato inammissibile il ricorso dei genitori, che chiedeva di continuare il trattamento salvavita e di ribaltare così il verdetto dell'Alta Corte britannica, secondo il quale il supporto vitale per il piccolo andava interrotto.

La sentenza, che è definitiva, è arrivata oggi da tre giudici della Corte, che hanno trattato il caso come una priorità. La bocciatura è stata motivata dal fatto che "non si è verificata alcuna violazione dei diritti e delle libertà enunciati nella Convenzione europea dei diritti dell'uomo", si legge in una nota della Cedu.

Isaiah non può respirare o muoversi autonomamente dopo aver subito lesioni cerebrali "catastrofiche" a causa della mancanza di ossigeno alla nascita. È dipendente dal ventilatore, ha un livello di coscienza profondamente compromesso, è cieco, sordo e soffre di distonia, che potrebbe causare dolore, secondo gli esperti medici di cinque ospedali che lo hanno esaminato.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI