cerca CERCA
Sabato 17 Aprile 2021
Aggiornato: 17:00
Temi caldi

5S "umiliati" da graticola

05 luglio 2019 | 19.34
LETTURA: 2 minuti

Malumori tra i sottosegretari per i risultati sconosciuti agli stessi: "Siamo stati delegittimati"

alternate text
(Fotogramma)

di Ileana Sciarra

Continua a far discutere in casa M5S la cosiddetta 'graticola' alla quale sono stati sottoposti nelle settimane scorse i sottosegretari grillini, 'valutati' dalle loro commissioni di riferimento dopo la debacle dei 5 Stelle alle europee. Il pollice alzato o verso non è piaciuto ai diretti interessati, che continuano a parlare di una pratica "mortificante" e che li avrebbe "umiliati" in barba al lavoro portato avanti in un anno di governo.

"Ogni giorno - si sfoga uno di loro - registriamo fughe di notizie sul nostro conto: la 'graticola' ci ha delegittimati consentendo di scrivere o riportare qualsiasi cosa sul nostro operato". Tanto più che le 'pagelle' sarebbero sconosciute agli stessi sottosegretari: solo Di Maio, il capogruppo D'Uva e il tesoriere Battelli avrebbero visto i risultati del 'test' portati avanti tra i membri 5 stelle nelle varie commissioni.

Così nelle ultime ore, viene spiegato all'Adnkronos, alcuni sottosegretari avrebbero chiesto lumi ai vertici, esigendo chiarezza anche su tempi e modalità di un eventuale rimpasto. E avrebbero ottenuto rassicurazioni in tal senso: bocce ferme su presunti cambi nelle retrovie della squadra di governo. Tale il malcontento attorno alla 'graticola', viene inoltre spiegato, che difficilmente la pratica verrà adottata anche sui ministri, una possibilità che era stata di fatto paventata nei giorni immediatamente successivi al voto europeo.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza