cerca CERCA
Venerdì 02 Dicembre 2022
Aggiornato: 10:53
Temi caldi

A giugno sale il prezzo del Pecorino Romano, +30% ma vendite in calo

02 agosto 2022 | 14.46
LETTURA: 2 minuti

E' quanto rileva l'Ismea ricordando che l'Italia è il terzo produttore in ambito Ue di latte di pecora e il primo produttore di formaggi pecorini, con una quota di circa 1/3 sul totale.

alternate text
(Fotogramma)

I prezzi all'ingrosso del Pecorino Romano, che rappresenta il prodotto guida del mercato, sono in progressiva crescita, in particolare a partire dallo scorso autunno. Nel primo semestre 2022 l'incremento ha raggiunto un picco del +30% nel mese di giugno arrivando a superare gli 11 euro/kg. In forte aumento anche il prezzo del latte ovino, che in Sardegna ha superato i 103 euro/100 litri (Iva inclusa) nel mese di giugno 2022, facendo registrare un aumento di oltre il 18,7% rispetto a un anno fa. L'atteso recupero di redditività da parte degli allevatori è stato in parte compromesso dai rincari delle materie prime (+13,2% per i prezzi dei mangimi nel primo semestre 2022). E' quanto rileva l'Ismea ricordando che l'Italia è il terzo produttore in ambito Ue di latte di pecora, con una quota pari a oltre 1/5 del totale comunitario, e il primo produttore di formaggi pecorini, con una quota di circa 1/3 sul totale.

Nei primi cinque mesi del 2022 le vendite di formaggi pecorini sono risultate in contrazione (-7,7% in volume) a fronte di una incisiva spinta sui prezzi (+8,5%), con una dinamica decisamente più accentuata rispetto al totale dei formaggi e latticini. Per il Pecorino Romano Dop il calo delle vendite si è attestato al -15,3% in volume, a fronte di una sostanziale stabilità della spesa e di una decisa spinta verso l'alto dei prezzi (+17,5%).

"Il settore sta attraversando una congiuntura molto positiva, - spiega Ismea - soprattutto grazie alla straordinaria ripresa dei flussi esportativi e al rafforzamento dei prezzi dei prodotti più rappresentativi. Non mancano le criticità nella fase di allevamento, sia rispetto alla disponibilità di mangimi sia rispetto alle risorse di pascolo, pesantemente ridotte dalla siccità e dagli incendi, nonché i possibili effetti sulle esportazioni di un apprezzamento del cambio euro/dollaro".

Nel 2021 l'allevamento ovicaprino da latte ha generato un valore di 572 milioni di euro, con un aumento rispetto all'anno precedente del 12% da attribuire esclusivamente alla forte spinta dei prezzi all'origine. La produzione, pari a 450mila tonnellate di latte di pecora e 43 mila tonnellate di latte di capra, è risultata in contrazione (rispettivamente -0,7% e -1,8% rispetto al 2020).

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza