cerca CERCA
Venerdì 14 Maggio 2021
Aggiornato: 02:11
Temi caldi

Mobilità: petizione su Change per abbonamento 'bici più treno'

07 gennaio 2015 | 13.29
LETTURA: 3 minuti

In poche ore superate le 12.000 firme per il diritto all'intermodalità come si fa da anni in Europa. In Italia situazione a macchia di leopardo con scelte affidate alla "buona volontà" delle regioni. La petizione chiede a Trenitalia di rendere omogenea a livello nazionale la possibilità di acquistare abbonamenti

alternate text

Incredibile accelerazione della petizione promossa su Change.org per chiedere a Trenitalia un abbonamento per il trasporto delle bici sul treno. Partita da una quota pur lusinghiera di oltre 1.600 sostenitori, la petizione ha appena superato gli 12.000 e si avvia a passo sosteuto verso i 13.000.

"Chiediamo a Trenitalia di rendere omogenea a livello nazionale la possibilità di acquistare abbonamenti mensili ed annuali per il trasporto bici", recita la petizione. La possibilità, si ricorda, è al momento affidata alla "buona volontà" delle regioni, che hanno la competenza a stipulare accordi con Trenitalia, determinando così una situazione a macchia di leopardo.

"In alcune regioni -si legge nella petizione- trasportare la bici sul treno ha un costo annuo di circa 1.000 euro, perché non è ancora possibile usufruire di un abbonamento mensile o annuale. In Emilia Romagna l'abbonamento annuale a 122 euro - nato da un accordo tra Fiab e Trenitalia - è stato di recente annullato. In Lombardia l'abbonamento c'è e costa 60 euro. " In Puglia, inoltre, il trasporto bici è gratuito, ma sempre grazie a una convenzione tra regione e Trenitalia, da rinnovare ogni anno.

Da qui la proposta: estendere all'intero territorio nazionale le migliori pratiche finora emerse in Italia e magari con un occhio ai paesi d'Oltralpe, dove la pratica è diffusa da decenni. La proponente, Sara Poluzzi, ricorda che "è crescente il numero di pendolari che utilizzano la bici ed il treno quotidianamente ed è ormai condivisa nella società la necessità di favorire pratiche virtuose che hanno effetti benefici sull'ambiente, la mobilità, la salute".

Senza contare, prosegue la petizione , che i fondi ci sarebbero: "la Federazione europea dei ciclisti -si legge infine- ha calcolato che nel periodo 2014-2020 sono disponibili per gli stati circa 6 miliardi di euro per finanziare progetti di ciclabilità. Ad oggi si contano progetti per un ammontare pari a poco più di 2 miliardi, di cui l'Italia detiene solo il 4%: quindi non è una questione di mancanza di fondi ma di mancanza di progetti per utilizzare questi fondi".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza