cerca CERCA
Giovedì 18 Agosto 2022
Aggiornato: 15:42
Temi caldi

Comunicato stampa

Agenzia delle Dogane e Monopoli: Arcangelo Bove e Unasweb per la lotta al contrabbando

28 gennaio 2021 | 16.30
LETTURA: 4 minuti

alternate text

La Direzione Tabacchi dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ha promesso una tavola rotonda virtuale che ha visto la partecipazione delle diverse associazioni di categoria del settore del fumo elettronico. Scopo dell’iniziativa era quello di un confronto diretto resosi necessario dopo che è stata approvata la legge di Bilancio, anche per capire quali adempimenti dovrebbero essere adottati di conseguenza. Alla tavola rotonda ha preso parte anche Arcangelo Bove, presidente di Unasweb (associazione nazionale affiliati Svapoweb), che nella sua relazione ha indicato alcune proposte utili per eliminare alla radice la piaga del contrabbando, che in questo momento rappresenta uno dei problemi più significativi per tutto il settore.

Le norme in vigore attualmente

Il paradosso più evidente di questa situazione è che in realtà nel nostro Paese le leggi per contrastare il contrabbando nel comparto del fumo elettronico ci sono già, ma non vengono applicate come sarebbe necessario. Esiste, per esempio, una norma che proibisce le vendite a distanza transfrontaliere di articoli del tabacco per i clienti che comprano sul territorio dello Stato. Un’altra legge, invece, permette le vendite dei liquidi da inalazione unicamente tramite le rivendite autorizzate che hanno versato l’imposta di consumo. Infine, non si può dimenticare la norma che prevede che i domini non autorizzati che mettono a disposizione dei consumatori italiani liquidi da inalazione debbano essere oscurati e, quindi, inibiti.

I tentacoli del contrabbando

Come è stato messo in evidenza da Bove, sono numerose le modalità attraverso le quali si perpetra il contrabbando nel comparto delle sigarette elettroniche. Quella principale è rappresentata dall’acquisto su siti Internet che nella maggior parte dei casi sono transfrontalieri da parte di consumatori privati residenti in Italia che si vedono consegnare spedizioni che comprendono prodotti liquidi da inalazione. Una pratica simile si traduce nell’evasione di tutte le imposte che dovrebbero essere dovute all’Erario: così, il reato di contrabbando si accompagna all’evasione fiscale, e a risentirne sono tutti gli operatori onesti del settore che devono fare i conti con una concorrenza sleale.

Che cosa si può fare per cambiare

Come si è detto, le norme relative a tale fattispecie esistono di già, come pure sono previste le sanzioni relative. Di conseguenza, quel che dovrebbe fare l’Agenzia delle Dogane – almeno secondo i consigli di Unasweb – è migliorare e aumentare i controlli, magari dedicando un numero più elevato di addetti impegnati. Al tempo stesso, un altro accorgimento utile sarebbe quello di mettere i corrieri nazionali a conoscenza delle norme in vigore, con riferimento in particolare a quella che proibisce la vendita a distanza transfrontaliera degli articoli del tabacco. In base a questa legge, i rivenditori dei liquidi da inalazione che operano online non possono risiedere al di là dei confini italiani. I corrieri dovrebbero essere invitati anche ad aggiornare e ad adeguare alle norme in vigore i propri termini contrattuali, prevedendo il divieto di ricevere spedizioni con liquidi da inalazione che non derivano da deposito fiscale.

Il carico e lo scarico telematici

Per Bove e Unasweb, un’altra soluzione utile per contrastare i comportamenti criminosi potrebbe essere quella di intervenire sul sistema di gestione di bolle di carico e scarico qual è in questo momento. per esempio, si potrebbe mettere a punto un programma ad hoc che renda possibile il carico e lo scarico in tempo reale e per via telematica. Oggi come oggi, sia le bolle di carico che il registro sono elaborati in formato cartaceo, dal momento che non esiste alcun obbligo di conservazione in modalità telematica. Ciò vuol dire, tra l’altro, che gli operatori di settore agiscono in maniera non univoca. Ecco perché conviene rendere telematici il carico e lo scarico, in modo che risultino univoci.

Controlli più efficaci

Una situazione del genere contribuirebbe anche a rendere più snelli e più efficaci gli eventuali accertamenti che dovessero venire effettuati dagli organi di controllo, che allo stato attuale possono richiedere addirittura anni per poter essere portati a termine. Lungaggini e tempistiche quasi incredibili, dovute alla conservazione in formato cartaceo del registro: con le soluzioni telematiche, invece, l’Agenzia delle Dogane potrebbe contare su un magazzino per tutti i depositi fiscali.

Che cos’è Unasweb e di che cosa si occupa

Unasweb è l’associazione nazionale che raccoglie gli affiliati di Svapoweb e li rappresenta, occupandosi della loro tutela a livello legale e in ambito amministrativo. Uno dei compiti di questo organismo è quello di vigilare su tutte le attività del Parlamento, del Governo e dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli a proposito delle nuove normative relative al comparto del fumo elettronico. Unasweb ha dato vita anche a Svapo Magazine, una testata giornalistica che è stata creata con l’obiettivo di promuovere un’informazione oggettiva e completa in un ambito nuovo – quello dello svapo, appunto – in cui non di rado i consumatori rischiano di lasciarsi condizionare da notizie false, anche per una conoscenza limitata dei prodotti.

Contatti:

Svapo Web s.r.l.

Telefono: +39 0824 1525611

E-mail: info@svapoweb.it

Sito: https://www.svapoweb.it/

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza