Cerca

Scontro tra due elicotteri in Mali, morti 13 militari francesi

SICUREZZA
Scontro tra due elicotteri in Mali, morti 13 militari francesi

Immagine di repertorio (Fotogramma)

Tredici militari francesi hanno perso la vita in uno scontro tra due elicotteri in Mali, dove erano impegnati in un'operazione antiterrorismo. Lo rende noto il presidente francese Emmanuel Macron in una nota diffusa dall'Eliseo.


''Il presidente della Repubblica ricorda con il massimo rispetto la memoria di questi soldati dell'esercito (sei ufficiali, sei sottufficiali e un caporale) caduti in servizio e morti per la Francia nella dura lotta contro il terrorismo nel Sahel", ha affermato la presidenza francese in una nota.

Macron ha inoltre espresso la sua personale solidarietà ''inchinandosi di fronte al dolore delle famiglie'' dei caduti e ha manifestato le sue ''più sincere condoglianze'', oltre a esprimere la ''solidarietà senza limiti'' della Francia per la perdita di suoi militari. ''Il presidente della Repubblica esprime il suo appoggio totale ai suoi militari dell'esercito. Loda il coraggio dei militari francesi in Sahel e la loro determinazione per portare avanti la missione'', si legge nella nota dell'Eliseo, che esprime'' totale fiducia'' nelle forze armate francesi.

In nota lo Stato Maggiore delle Forze Armate francesi spiega che i militari erano impegnati in "un'operazione di combattimento" e nell'area è tuttora in corso "un'operazione di soccorso e messa in sicurezza". Il comunicato precisa che "con ogni probabilità" all'origine della tragedia di ieri sera c'è uno scontro tra i due elicotteri, un Tigre e un Cougar, che volavano "a bassa quota" nella regione di Liptako e "partecipavano a un'operazione di appoggio ai commando della forza Barkhane che erano entrati in contatto con gruppi armati terroristici". La ricostruzione spiega che da "alcuni giorni" i commando erano impegnati sul campo e avevano intercettato un gruppo di terroristi, con moto e pickup.

"Rapidamente" sono arrivati i rinforzi, gli elicotteri e una pattuglia di Mirage 2000. L'elicottero Cougar è intervenuto per coordinare le attività e garantire "'l'estrazione immediata' di un elemento a terra". Ma verso le 19.40, ora di Parigi, c'è stato lo scontro tra il Cougar e il Tigre, "che si sono schiantati al suolo a poca distanza l'uno dall'altro". "Nessuno dei militari a bordo è sopravvissuto - conferma lo Stato Maggiore - E' in corso un'operazione di soccorso e mezza in sicurezza della zona dell'incidente. Sono tuttora impegnati vari mezzi della forza Barkhane".

"Profonda tristezza" è arrivata da capo di Stato Maggiore delle Forze Armate francesi, generale François Lecointre, per i 13 militari "morti per la Francia". Il ministro della Difesa, Florence Parly, ha confermato in una nota l'apertura di "un'inchiesta per chiarire le circostanze precise di questa tragedia" avvenuta durante "un'operazione di combattimento".

Sono ''morti per la libertà'' i 13 militari francesi ha dichiarato il presidente maliano Ibrahim Boubacar Keita. ''Sono morti per il Mali, sono morti per il Sahel, sono morti per la libertà e sono morti per il popolo'', ha detto Keita in una nota. ''Il popolo del Sahel sta partecipando allo stesso dolore e sta piangendo'', ha aggiunto, i soldati che hanno perso la vita e che hanno quindi pagato un alto prezzo per la lotta contro il terrorismo. Keita ha quindi espresso le sue più ''sincere condoglianze'' alla Francia per la ''grande perdita''.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.