cerca CERCA
Lunedì 28 Novembre 2022
Aggiornato: 01:02
Temi caldi

Lirica: al Massimo di Palermo 'Attila' con Schrott e Vassileva

16 febbraio 2016 | 18.09
LETTURA: 2 minuti

alternate text
Erwin Schrott

Un nuovo allestimento del Teatro Massimo di Palermo, 'Attila' di Giuseppe Verdi, va in scena da venerdì prossimo in coproduzione con il Teatro Comunale di Bologna e il Teatro La Fenice di Venezia. Regista Daniele Abbado, sul podio dell'orchestra e del coro della fondazione lirica palermitana, Daniel Oren. Attila è il celebre basso-baritono uruguaiano Erwin Schrott, Odabella è Svetla Vassileva, Foresto è Fabio Sartori e Ezio è Simone Piazzola. Scene e luci di Gianni Carluccio, costumi di Gianni Carluccio e Daniela Cernigliaro.

Un cast internazionale per un’opera che manca da Palermo dal 1975 e che fu rappresentata per la prima volta a Venezia il 17 marzo 1846. Giovedì alle 18.30 ci sarà la prova generale a favore dell’opera di Biagio Conte, il missionario laico che opera a Palermo in aiuto di clochard, migranti, poveri.

Intanto domani alle 10.30 nel palco reale del Teatro Massimo, Daniel Oren e Daniele Abbado incontreranno la stampa. "Un’opera politica – dice Abbado – nella quale assistiamo a un ribaltamento totale delle categorie consuete. Quello che dovrebbe essere lo straniero, il nemico, il barbaro, è invece l’uomo portatore di pensiero raffinato. Parla di popolo, di giustizia, di Dio, di anima. Gli italiani sono i profughi che hanno perso tutto, che scappano e pensano alla fondazione di una nuova civiltà. Siamo in anni in cui l’Unità d’Italia è ancora tutta da fare. L’anno successivo alla prima rappresentazione, ben quindici teatri lo mettono in scena, e il pubblico si infiamma di sentimenti patriottici".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza