cerca CERCA
Lunedì 02 Agosto 2021
Aggiornato: 15:05
Temi caldi

Zanardi, "resta il rischio di eventi avversi"

21 giugno 2020 | 11.48
LETTURA: 1 minuti

Nuovo bollettino medico sulle condizioni del campione, ricoverato e operato venerdì scorso dopo l'incidente con l'handbike: "Atleta ancora in prognosi riservata"

alternate text
Fotogramma

''Il paziente ha trascorso la notte in condizioni di stabilità cardio-respiratoria e metabolica. Le funzioni d’organo sono adeguate. E’ sempre sedato, intubato e ventilato meccanicamente. Il neuromonitoraggio in corso ha mostrato una certa stabilità ma questo dato va preso con cautela perché resta grave il quadro neurologico. Le condizioni attuali di stabilità generale ancora non consentono di escludere la possibilità di eventi avversi e, pertanto, il paziente resta sempre in prognosi riservata''. Questo l'aggiornamento clinico alle 11.30 del 21 giugno sulle condizioni dell’atleta Alex Zanardi, diffuso dalla direzione sanitaria del policlinico Santa Maria alle Scotte di Siena.

"Alex ha trascorso una notte in condizioni di stabilità cardio circolatoria respiratoria metabolica. Le funzioni d'organo sono adeguate. E' intubato sedato ventilato meccanicamente, ma è ben adattato al ventilatore meccanico e gli scambi gassosi sono soddisfacenti. Le condizioni cardio circolatorie anche quelle sono stabili e adeguate". Lo ha affermato ai giornalisti il responsabile del reparto di Terapia intensiva del policlinico. "Il neuromonitoraggio che mettiamo in atto in questi casi ha mostrato una certa stabilità, anche se questo dato va preso con cautela perché il quadro neurologico è quello che resta grave. - continua il medico - In linea generale le condizioni cliniche sono stabili, siamo piuttosto soddisfatti anche se naturalmente questo non ci consente di escludere possibili evoluzioni o complicanze pertanto il quadro e le condizioni portano a una prognosi riservata. Resterà ancora sedato per i prossimi giorni per mantenerlo stabile, poi decideremo il dà farsi. Sarà una decisione collegiale e non del singolo. Tutto - conclude -dipenderà dalla stabilità condizioni cliniche".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza