cerca CERCA
Mercoledì 07 Dicembre 2022
Aggiornato: 21:51
Temi caldi

85 euro per animale

Ambulanza per cani e gatti, in Toscana arriva il centralino attivo 24 ore su 24

13 ottobre 2015 | 11.20
LETTURA: 2 minuti

alternate text
(Infophoto) - (INFOPHOTO)

Arriva il numero unico regionale per segnalare incidenti che coinvolgono per strada Fido e Fuffi e avere immediato soccorso. Lo istituisce una delibera approvata nel corso dell'ultima giunta della Regione Toscana.

La sperimentazione per l'iniziativa dedicata agli animali domestici avrà un'applicazione progressiva sul territorio regionale: fino alla fine del 2015 a Firenze; dal 1° gennaio al 30 giugno 2016 si allargherà a Empoli, Prato, Pistoia; e dal 1° luglio al 31 dicembre 2016 toccherà tutta la Regione.

Il numero, che ancora non è stato individuato, sarà gestito per il primo periodo dalla Polizia municipale di Firenze, che poi trasferirà la chiamata alla Asl fiorentina.

"L'attenzione per gli animali è un segno di grande civiltà - è il commento del presidente Enrico Rossi - la Regione Toscana nelle sue politiche è sempre stata molto attenta anche agli amici dell'uomo, mettendo in atto iniziative che hanno fatto da apripista a livello nazionale. Penso alla possibilità di far entrare gli animali di affezione negli ospedali, per visitare i propri padroni: un'opportunità che indubbiamente fa stare meglio sia gli esseri umani che gli animali".

L'istituzione di questo centralino, aggiunge Rossi, "consentirà ai veterinari delle Asl di intervenire con tempestività per soccorrere gli animali domestici vittime di incidenti".

Come funzionerà il soccorso animali? Chiunque assiste a un incidente che coinvolga cani o gatti potrà chiamare il numero, attivo 24 ore su 24. Sul posto arriverà un mezzo della Asl con il veterinario a bordo, oppure un mezzo di un'associazione di volontariato, che porterà l'animale a un ambulatorio pubblico o privato per essere curato. La rete dei veterinari privati supporta infatti l'attività di assistenza del soccorso animali della Toscana. Per il quadriennio 2015-2018, il sistema viene finanziato con 120mila euro. I proprietari degli animali, infine, saranno tenuti a sostenere le spese di recupero: 85 euro per ciascun animale.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza