cerca CERCA
Martedì 04 Ottobre 2022
Aggiornato: 04:00
Temi caldi

Antitrust sanziona Deutsche Bank per 4 mln per campagna 'Fai +1%'

14 novembre 2019 | 18.54
LETTURA: 3 minuti

alternate text
(Afp) - AFP

Antitrust ha multato per pratiche scorrette - con una sanzione di 4 milioni di euro - Deutsche Bank per la Campagna 'Fai +1%' che prometteva un premio dell’1% per coloro che avessero portato i loro investimenti in Deutsche Bank. Lo comunica Altroconsumo che - per bocca di Ivo Tarantino, Responsabile Relazioni Esterne - spiega di essere "molto soddisfatta del provvedimento di oggi. Il 'fantomatico +1%' era in realtà un buono elettronico da utilizzare in un circuito convenzionato. Ma non solo, tutta l’operazione nascondeva un complicato meccanismo che nulla aveva a che vedere con la promessa sbandierata in pubblicità".

"Altroconsumo da subito ha ritenuto che si trattasse di pubblicità ingannevole e scorretta e ha segnalato la campagna DB all’Antitrust. Dopo questo provvedimento ci attiveremo subito perché i risparmiatori coinvolti possano essere risarciti dei danni subiti". La Campagna 'Fai +1%' lanciata a febbraio scorso era rivolta a tutti coloro che erano già clienti della banca o ai nuovi clienti che - previa apertura di un conto corrente - si fossero iscritti all’iniziativa e avessero portato i loro investimenti in Deutsche Bank per almeno 30.000 euro.

Il premio tuttavia - spiega Altroconsumo - "era frutto di una serie di regole intricate da rispettare simultaneamente, più alcune restrizioni". Al cliente non veniva infatti erogato un aumento dell’1% del capitale investito bensì un buono elettronico da utilizzare nel circuito convenzionato con Eurotarget , circuito di cui "non si scopriva molto e che non disponeva neppure un sito web di riferimento".

Commentando la decisione dell'Antitrust Deutsche Bank ha espresso "grande sorpresa sia per l’entità della somma che per la scarsa attenzione alle molteplici considerazioni difensive e ai comportamenti rimediali posti in essere nei confronti dei consumatori". L'istituto conferma poi di essere "determinato a far valere le proprie ragioni impugnando il provvedimento presso il Tar".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza