cerca CERCA
Lunedì 26 Luglio 2021
Aggiornato: 23:42
Temi caldi

Arriva il caldo africano, ma temporali in agguato: ecco quando

12 giugno 2021 | 08.43
LETTURA: 2 minuti

Da lunedì anticiclone sempre più forte su buona parte del bacino del Mediterraneo

alternate text

Arriva il vero caldo africano, ma il rischio di temporali non è svanito. Da lunedì 14 giugnoi l'anticiclone di origine sub-tropicale sarà sempre più forte sull'Italia, abbracciando buona parte del bacino del Mediterraneo. Ma secondo www.ilmeteo.it con il passare dei giorni una minaccia temporalesca incomberà su parte del nostro Paese.

Ma andiamo con ordine analizzando tutti i dettagli e le conseguenze attese.

Dopo un inizio di giugno un po' troppo traballante con tante precipitazioni e temperature sotto tono ecco arrivare una decisiva svolta che stravolgerà il quadro climatico europeo. L'attore principale di questo cambiamento è il famigerato anticiclone africano che, dall'interno del deserto del Sahara, si allungherà verso l'Europa e il mar Mediterraneo inglobando di conseguenza anche il nostro Paese. Analizzando nel dettaglio questa avanzata dell'alta pressione possiamo vedere chiaramente le caratteristiche intrinseche della massa in questione: si tratta di una massa d'aria molto calda di matrice subtropicale che provocherà oltre a un'estrema stabilità atmosferica con tanto sole anche un'impennata delle temperature. Il caldo si farà sentire in particolare tra lunedì 14 e mercoledì 16 giugno, sulle pianure del Nord, sulle regioni tirreniche e sulle due Isole Maggiori dove i valori termici si porteranno diffusamente oltre i 30°C durante le ore pomeridiane. Addirittura in città come Firenze o Bologna si raggiungeranno picchi fino a 25°C, insomma la classica fiammata di calore africana.

Questa fase decisamente molto calda e stabile potrebbe però aver vita breve. Infatti allargando il nostro sguardo possiamo vedere come dal Nord Atlantico una possente depressione sospinta da correnti d'aria più fresche ed instabili potrebbe, tra giovedì 17 e venerdì 18, creare non pochi problemi. Se ciò fosse confermato si verrebbero a creare le condizioni ideali per lo sviluppo di imponenti celle temporalesche alimentate dal calore presente nei bassi strati. Di questo comunque avremo modo di parlarne dei prossimi aggiornamenti, per ora spazio al sole e al caldo!

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza