cerca CERCA
Sabato 27 Novembre 2021
Aggiornato: 20:41
Temi caldi

Attacco Rouen, i terroristi alle suore: "Avete paura di morire"

30 luglio 2016 | 09.33
LETTURA: 4 minuti

alternate text
(Foto Afp) - AFP

Dopo aver sgozzato padre Jacques Hamel, 86 anni, i due terroristi responsabili dell'attacco alla chiesa di Saint-Etienne du Rouvray , nei pressi di Rouen, hanno avviato un dialogo 'surreale' con le due suore che tenevano in ostaggio insieme a due fedeli. A raccontarlo sono le due stesse religiose, suor Helene Decaux e suor Huguette Peron, al settimanale cattolico 'La Vie'.

Uno dei due terroristi 19enni, rivela suor Helene, le chiede se conosca il Corano. "Sì, e lo rispetto come rispetto la Bibbia - risponde la donna - ho letto molte sure (capitoli), e quelle che mi hanno colpito in modo particolare sono quelle sulla pace". "La pace, è quello che vogliamo - replica il terrorista - Fino a quando cadranno le bombe in Siria, noi continueremo gli attentati. E ce ne saranno ogni giorno. Quando voi vi fermerete, ci fermeremo anche noi". Poi, l'aggressore chiede: "Hai paura di morire?". Alla risposta negativa della suora, domanda ancora: "Perché?". "Credo in Dio e so - assicura che sarò felice". Quindi, con suor Huguette, parlano di Gesù. "Gesù non può essere uomo e Dio - sostiene il secondo terrorista - Voi vi sbagliate". "Forse, ma tanto peggio", risponde la suora che, convinta di morire, "ho offerto la mia vita a Dio".

Intanto il padre adottivo di Abdel Malik Petitjean, il secondo autore dell'attacco, si è presentato spontaneamente alla polizia nella notte di mercoledì a Bordeaux, ma non sono state mosse accuse contro di lui. Lo riferiscono i medi francesi che citano una fonte della polizia, aggiungendo che una perquisizione è stata condotta a casa di Franck Petitjean. Il suo computer è stato sequestrato ed esaminato, ma "niente di speciale" è stato scoperto e "nessuna azione coercitiva è stata presa contro di lui", ha spiegato la stessa fonte.

Secondo il sito web 'Sud Ouest', l'uomo ha adottato e riconosciuto Abdel Malik nel 1997, "quando aveva 5 o 6 mesi". E' attraverso suo fratello che ha saputo che il figlio era il terrorista ucciso all'uscita della chiesa con Adel Kermiche. "Non lo vedevo da quasi tre mesi", ha raccontato Franck Petitjean a 'Sud Ouest'.

"Sono distrutto, sono giorni che non riesco a dormire", ha aggiunto. "Sono rimasto sorpreso. Malik era adorabile. Tutti i suoi amici lo descrivevano gentile e disponibile. Daech gli ha fatto il lavaggio del cervello. L'ho sentito al telefono all'inizio di luglio, era con il cugino a Nancy. Mi ha detto che voleva venire in vacanza a Bordeaux nel mese di agosto", ha continuato l'uomo che o ra dice di aver paura per la figlia, nata dalla relazione con la madre di Abdel Malik. "Ho paura che si vendichi perché era molto vicina al fratello".

La sorella di Abdel Malik Petitjean e un amico di quest'ultimo, sono stati fermati mercoledì e rilasciati il giorno dopo. "Ci hanno dato spunti interessanti riguardo al suo percorso, ma nessuna prova dimostra il loro coinvolgimento nei fatti", ha detto una fonte vicina alle indagini.

Tuttavia, un francese di 30 anni, anch'esso nella cerchia familiare di Petitjean e risiedente a Meurthe-et-Moselle, è ancora in custodia. Gli investigatori stanno cercando di scoprire "se poteva essere a conoscenza dell'attacco pianificato dal killer".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza