cerca CERCA
Mercoledì 28 Settembre 2022
Aggiornato: 11:08
Temi caldi

Banche, in arrivo soluzione 'di sistema' per aumenti e sofferenze

08 aprile 2016 | 17.10
LETTURA: 3 minuti

alternate text
- FOTOGRAMMA

E' in arrivo la 'soluzione di sistema' per coprire gli aumenti di capitale delle banche in difficoltà e alleggerire il peso delle sofferenze. La chiave, spiega una fonte vicina al dossier all'Adnkronos, è costruire "un soggetto che sia in grado di operare sul mercato, con regole di mercato, con una disponibilità consistente e una governance agile". Le verifiche tecniche ancora in corso, si puntualizza, "servono anche a decidere se possa essere un unico fondo a partecipare agli aumenti di capitale necessari, garantendo l'inoptato, e ad acquistare le sofferenze di bassa qualità che non possono rientrare nel piano Gacs del Tesoro".

All'operazione parteciperanno banche, fondazioni, enti di previdenza, compagnie assicurative e la Cdp, che avrà "un ruolo di minoranza ma che è fondamentale per assicurare la 'copertura istituzionale' che serve a garantire l'impegno di tutti gli altri soggetti". I tempi saranno stretti e un annuncio ufficiale "può arrivare già la prossima settimana". La prima scadenza in calendario, del resto, è vicina: il nuovo fondo dovrà partecipare al riparto dell’inoptato dell’aumento della Popolare di Vicenza che partirà il prossimo 18 aprile. Poi toccherà a Veneto Banca e al Banco Popolare, che deve raccogliere un miliardo prima della fusione con Bpm. Per finalizzare l'operazione, tuttavia, sarà necessario che tutti i soggetti coinvolti, intermediari finanziari e fondazioni, ottengano il via libera dai rispettivi organi di gestione. In questo senso, si puntualizza, sarà dirimente la redditività dell'investimento richiesto. "Il fondo non dovrà fare beneficenza ma dovrà essere in grado di finanziarsi sul mercato ed emettere debito, assicurando la prospettiva di un ritorno a chi parteciperà all'impresa", spiega la fonte interpellate.

L'obiettivo finale è quello di assicurare che le risorse di banche risanate, più patrimonializzate e senza la zavorra dei crediti deteriorati, possano effettivamente essere utilizzate per sostenere la ripresa, finanziando imprese e famiglie.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza