cerca CERCA
Domenica 03 Luglio 2022
Aggiornato: 14:08
Temi caldi

Calcio: Benitez, finale Europa League è un obiettivo storico

06 maggio 2015 | 13.36
LETTURA: 3 minuti

Il tecnico spagnolo pensa solo alla gara con il Dnipro, sfida di andata delle semifinali di Europa League e non si sbilancia sul suo futuro: "Il presidente conosce le mie idee e sta lavorando con il mio procuratore"

alternate text
Rafael Benitez, allenatore Napoli (Foto Infophoto) - INFOPHOTO

"Sappiamo che è un momento storico, arrivare per la seconda volta ad una finale sarebbe importantissimo per la città e per questo club". Rafa Benitez pensa solo ad arrivare alla finale di Europa League con il Napoli e per farlo i partenopei devono battere il Dnipro nella doppia sfida di semifinale. De Laurentiis dice che ha effettuato solo il 10% dei suoi progetti in questo decennio, ma il tecnico non si sbilancia sul futuro. "Sono orgoglioso di essere su questa panchina per domani sera...e fare il meglio per vincere questa partita. Il presidente conosce le mie idee e sta lavorando con il mio procuratore. La gara di domani è un'opportunità storica per dimostrare che questa città merita un riconoscimento a livello europeo, la società è un patrimonio dei tifosi e dobbiamo provare a vincere per arrivare in finale".

"Il Dnipro è una squadra che subisce pochi gol, ha perso solo due volte nel 2015. Ha giocatori di esperienza, grinta e qualità. Strinic mi ha parlato molto bene della squadra e servirà una grande partita per batterli. La priorità è vincere e non subire gol -sottolinea il tecnico del Napoli-. Difendono e ripartono molto bene, sono pericolosi anche sulle palle inattive. Servirà una gara seria, con molta concentrazione e dovremo cercare di imporre il nostro ritmo. I tifosi devono capire che questi ragazzi domani avranno bisogno di loro per giocare a grande livello. La partita qui sarà diversa, dobbiamo giocare con la testa, il cuore con velocità e fiducia in noi stessi, ma con rispetto verso una squadra che ha giocatori di qualità".

Benitez può contare sulla crescita di Marek Hamsik. "Ha trovato la doppietta in più occasioni con noi rispetto ad altri allenatori. L'anno scorso è stato fermato dall'infortunio per 3-4 mesi, ora sta lavorando come ha sempre fatto ed ha più fiducia, arriva al gol, ha la qualità sta bene, ma non abbiamo cambiato niente nei suoi confronti". Il Napoli comunque parte con i favori del pronostico. "E' una squadra meno conosciuta di altre ma ha giocatori di livello altissimo dal punto di vista tecnico. Tatticamente è organizzatissima e sarà dura. Perdere con l'Empoli in quel modo non mi è piaciuto, ma siamo riusciti a rialzarci col Milan meritando di fare anche più di tre gol. In campionato possiamo ancora arrivare terzi o secondi ed abbiamo fiducia per chiudere la stagione in maniera positiva".

Il tecnico spagnolo non sta studiando qualche mossa particolare per fermare il Dnipro, si affida al gioco della sua squadra. "I giocatori che andranno in campo saranno quelli più in forma e quelli più adatti per quest'avversario. Dobbiamo imporre il nostro stile di gioco -ha proseguito Benitez- e se loro non ci consentiranno di farlo dovremo trovare soluzioni diverso. Dispiace vedere la squadra commettere qualche errore nel primo tempo ma in seguito, dopo l'intervallo, si migliora quasi sempre, quindi possiamo far bene dall'inizio. Dico sempre che la mentalità è molto più importante dei moduli, dobbiamo apprendere ad adattarci".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza