cerca CERCA
Lunedì 21 Giugno 2021
Aggiornato: 15:56
Temi caldi

Brasile 2014: Fifa chiede di ascoltare Suarez, Uruguay dice 'no'

25 giugno 2014 | 17.09
LETTURA: 2 minuti

Rio de Janeiro, 25 giu. - (Adnkronos/Dpa) - La Fifa chiede di ascoltare Luis Suarez ma la federazione uruguaiana risponde di 'no'. Il giocatore è oggetto di un'inchiesta per il morso a Giorgio Chiellini durante Italia-Uruguay e se riconosciuto colpevole rischia una lunga squalifica. "Siamo nelle fasi preliminari dell'indagine, il giocatore ha diritto di essere ascoltato", dice Delia Fischer, responsabile della comunicazione della Fifa. "Stiamo ascoltando molte voci ma non possiamo parlare di quello che potenzialmente potrebbe succedere. E' tutto nelle mani della commissione disciplinare, che è indipendente", evidenzia la Fischer.

L'organismo disciplinare della Fifa è già in possesso del video della partita per analizzare l'episodio incriminato. A quanto pare Suarez non fornirà la sua versione: "Abbiamo deciso che Suarez non testimonierà", ha spiegato il presidente della federcalcio uruguaiana, Wilmar Valdez, che proprio in queste ore ha lasciato Natal per raggiungere Rio de Janeiro e "monitorare da vicino la situazione".

L'apertura di un procedimento nei confronti di Suarez è stata notificata ai dirigenti dell'Uruguay alle 23 di ieri da due funzionari della Fifa. I legali della federazione hanno preparato un dossier di quattro pagine, con foto e video dell'episodio incriminato, per cercare di ottenere l'assoluzione del giocatore. "Tutti sappiamo come stanno le cose", ha detto Valdez, aggiungendo che l'Uruguay protagonista ai Mondiali brasiliani rappresenta "una spina nel fianco per molti".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza