cerca CERCA
Lunedì 17 Gennaio 2022
Aggiornato: 00:46
Temi caldi

Professioni: Calderone, compito consulenti tutelare e promuovere lavoro

06 novembre 2014 | 18.58
LETTURA: 3 minuti

Intervista di Labitalia alla presidente del Consiglio nazionale della categoria (video).

alternate text
Marina Calderone, presidente Consiglio nazionale consulenti lavoro

"Il compito dei consulenti del lavoro è quello di tutelare il lavoro e di promuoverlo". Lo dice a Labitalia Marina Calderone, appena riconfermata presidente del Consiglio nazionale dell'Ordine dei consulenti del lavoro. "Lo faremo attraverso le nostre organizzazioni e quegli impegni -fa notare- che noi prendiamo quotidianamente nel momento in cui essere una voce libera, a volte, vuol dire anche impersonificare un interlocutore scomodo che però ha il compito di parlare il linguaggio della gente".

"Il compito di far capire anche -avverte- che le persone hanno bisogno di norme semplici, attuabili e, soprattutto, con degli effetti e delle ricadute prevedibili nel medio e lungo periodo".

"In Italia -spiega Marina Calderone- noi non siamo abituati a questo. L'attività di monitoraggio normativo non è mai stata insediata e strutturata in modo definitivo. Penso, invece, che i consulenti del lavoro possano farlo anche essendo sempre di più un istituto di ricerca, un osservatorio indipendente e anche una fonte di suggerimenti tecnicamente validi, attraverso l'interlocuzione nazionale e territoriale".

"Il mio mandato giunge in un momento importante -ricorda- non solo per i consulenti del lavoro, ma anche per il Paese. La categoria, nel fare la scelta di puntare ancora una volta su un gruppo dirigente che accompagna la professione dal 2005, ha voluto anche mettere in evidenza il fatto che attraverso la continuità noi produciamo risultati e azioni che vanno all'estero".

"Il nostro compito dovrà essere quello -rimarca Calderone- di essere certamente a disposizione dei nostri consigli provinciali e degli iscritti in generale, ma di essere interlocutori fermi e preparati anche del mondo della politica e delle istituzioni. Pronti a raccogliere tutte quelle che sono le sfide della nostra società".

"Questo è un periodo di riforme del lavoro, di nuovo si parla di un intervento riformatore -continua- che dovrà poi trovare corpo all'interno di una decretazione delegata. I consulenti del lavoro, da tecnici di riferimento del mercato del lavoro, hanno proprio il compito di sostenere che l'azione di governo, attraverso un'interlocuzione critica, possa portare veramente delle modifiche sostanziali a un mercato del lavoro asfittico che oggi è classificato tra i peggiori al mondo".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza