cerca CERCA
Sabato 27 Novembre 2021
Aggiornato: 23:41
Temi caldi

Carceri, nel Vecchio Continente solo la Serbia ha condizioni peggiori dell'Italia

29 aprile 2014 | 14.12
LETTURA: 2 minuti

alternate text

Solo la Serbia fa peggio dell'Italia fra i 47 Paesi del Consiglio d'Europa quanto a sovraffollamento delle carceri. E' quanto emerge da un rapporto dell'organizzazione con sede a Strasburgo, secondo cui in Italia la popolazione carceraria nel 2012 era di 66.271 unità, con un rapporto di 145,4 detenuti per una capacità di 100 posti. Peggio del nostro Paese fa solo la Serbia, con 159,3 detenuti per una capacità di 100 ed una popolazione carceraria di 11.070 persone.

I dati relativi all'Italia sono quindi molto lontani dalla media europea che vede 98 detenuti ogni 100 posti disponibili, in calo rispetto al 2011 quando il rapporto era 99 su 100, un dato che viene considerato dagli estensori dello studio presentato oggi a Bruxelles di piena capacità degli istituiti di pena europei. In Germania la densità è di 88,6 su 100, simile alla Spagna, 89,4, mentre in Francia è sopra la media al 117 su 100.

Il rapporto descrive con le sue percentuali l'identikit della popolazione carceraria italiana che corrisponde a 116 unità su 100mila abitanti, ha un'età media di 37 anni, è in stragrande maggioranza maschile (solo il 4,3 dei detenuti sono donne), ed è al 35,9% straniera. Un altro record negativo è quello della percentuale dei detenuti in attesa di sentenza definitiva, il 39,3%, rispetto 16,2% della Germania, del 16,6% della Spagna dell'18,2% dell'Inghilterra e il 22,1% della Francia. Peggio fa l'Olanda con il 49% dei detenuti in attesa di giudizio definitivo.

In generale le statistiche dei rapporti Space I e Space II registrano che la popolazione carceraria europea è diminuita tra il 2011 e il 2012 di 90mila unità, passando da 1.825.000 ad 1.737.000. Oltre che in Italia ed in Serbia, il sovraffollamento è critico per 21 dei 43 Paesi scrutinati, nota ancora il rapporto che ricorda come il Comitato dei ministri del Consiglio d'Europa ed altri organi come il Comitato per la prevenzione della Tortura "hanno invitato i governi ad affrontare con determinazione questo problema ed aumentare le possibilità di reinserimento" una volta usciti dal carcere.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza