cerca CERCA
Giovedì 19 Maggio 2022
Aggiornato: 10:49
Temi caldi

Manson, chi è il mostro di Bel Air

20 novembre 2017 | 07.26
LETTURA: 3 minuti

alternate text

Uno degli assassini più famosi degli Stati Uniti. Numero di matricola B33920 nel carcere californiano di Corcoran. Regista di due dei più efferati delitti che si ricordino. Protagonista di uno dei più lunghi e costosi processi della storia criminale statunitense. Tutto questo è stato Charles Manson, morto in un ospedale di Bakersfield in California.

L'83enne 'mostro di Bel Air', barba grigia e svastica tatuata sulla fronte, nel 1969 fu il mandante sia dell'omicidio dell'attrice Sharon Tate, moglie di Roman Polaski, e di quattro suoi amici, sia dell'imprenditore Leno Labianca e di sua moglie.

Aveva 36 anni quando, il 29 marzo 1971, fu condannato a morte per quella che è passata alla storia come la strage di Bel Air. Una condanna che dopo l'abolizione della pena di morte in California venne commutata in ergastolo.

9 AGOSTO 1969 - La notte del 9 agosto 1969 quattro suoi seguaci, armati di pistole, un revolver e una corda di nylon lunga 13 metri, entrarono nella villa di Cielo Drive, ricco quartiere di Los Angeles, e uccisero brutalmente Tate, incinta di otto mesi, e alcuni amici della coppia.

Polanski non era presente, si trovava a Londra per motivi di lavoro (aveva appena finito di girare 'Rosemary's Baby'). Non è mai stato accertato se Manson aspettasse in auto o se rimase nel ranch dove risiedeva l'organizzazione.

Il processo contro di lui e le sue 'ragazze' - complici e tra le esecutrici materiali dei suoi delitti, entrate a far parte del gruppo di ragazzi che lo seguiva perché attratto dal suo carisma e che lo considerava un leader religioso e morale - iniziò il 15 giugno del 1970 ed è stato uno dei più lunghi e costosi della storia criminale degli Stati Uniti.

Quando Manson si incise una 'X' sulla fronte all'inizio del dibattimento, le donne accusate assieme a lui seguirono il suo esempio. Il giorno della lettura della sentenza, nove mesi dopo, si rasarono tutti la testa. Nessuna delle donne accusò mai il leader del gruppo e, in questi lunghi anni, Manson non ha mai mostrato un segno di pentimento.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza