cerca CERCA
Martedì 18 Gennaio 2022
Aggiornato: 02:38
Temi caldi

Vicenza

Cigno ucciso a bastonate, la compagna si lascia morire

06 maggio 2019 | 20.47
LETTURA: 2 minuti

alternate text
Immagine di repertorio (Fotogramma)

Venerdì mattina il laghetto superiore del parco in centro a Recoaro Terme aveva visto morire il cigno che da anni, insieme alla sua compagna, attirava e intratteneva i residenti della zona con la sua bellezza. Ammazzato a bastonate, è l'ipotesi più accreditata considerato il collo spezzato: una morte talmente assurda e triste da aver tolto la voglia di sopravvivere all'esemplare femmina, con lui da sempre.

Ieri mattina è morta anche lei, due giorni più tardi rispetto al suo compagno. "Si è lasciata andare - ha detto al Corriere del Veneto il sindaco Davide Branco che ha recuperato personalmente il volatile dallo specchio d'acqua - Si vedeva che stava male, non mangiava più e temevamo finisse così. Invieremo il corpo all'Istituto Zooprofilattico delle Venezie, come era stato per il maschio. In questo caso però non ci sono dubbi, l'animale si è lasciato andare. È caratteristico di questa specie, succede spesso che i compagni o le compagne non sopravvivano a lungo quando muore uno dei due".

Riguardo all'eventualità che il cigno maschio possa esser stato ucciso, il primo cittadino ha poi annunciato: "Entro l’anno quest’area verrà coperta da un servizio di videosorveglianza, in modo che episodi gravi come questo non si ripetano più".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza