cerca CERCA
Mercoledì 08 Dicembre 2021
Aggiornato: 00:34
Temi caldi

Comunali Roma, Conte a Calenda: "Da arroganti dettare condizioni"

06 ottobre 2021 | 18.38
LETTURA: 2 minuti

"Sta facendo un suo percorso politico autoreferenziale, e noi glielo facciamo fare"

alternate text
(Fotogramma)

“Calenda sta facendo un suo percorso politico autoreferenziale, e noi glielo facciamo fare tranquillamente: siamo orgogliosamente forti della nostra storia e della nostra tradizione, lui si affaccia adesso alla politica. Essere una forza nazionale è un'altra prospettiva. Gli auguriamo buona fortuna, ma è all'inizio di un cammino politico nazionale, e quindi dettare condizioni agli altri mi sembra quanto meno arrogante". Lo ha detto il leader del M5S Giuseppe Conte a margine di un comizio elettorale per le amministrative a Ramacca, nel Catanese, dove sostiene Teresa Corallo.

Oggi a Sky TG24 Carlo Calenda, leader di Azione, alla domanda su cosa farà adesso a Roma, in vista del ballottaggio della prossima settimana, ha risposto: “E’ chiaro che sono più vicino a Gualtieri che a Michetti, non solo perché conosco molto bene Roberto, che è una persona stimabile, mentre Michetti lo considero un impreparato prestato alla politica. Però qui il tema non è quello che farò o voterò io, quei voti non sono i miei ma dei cittadini che hanno creduto in un progetto. Questi devono ritrovare nella proposta di Gualtieri quel progetto, alcuni elementi, ed il primo è che non ci devono essere i 5 Stelle in giunta. Secondo, cosa pensa del termovalorizzatore. Terzo, cosa farà sulle municipalizzate. Ecco, penso che quello che dovrebbe fare Gualtieri adesso è chiarire queste cose, e non per me ma per gli elettori che mi hanno votato e che altrimenti non lo voteranno”.

“Dico a Gualtieri - ha ribadito - che voglio un impegno, che peraltro oggi lui più o meno ha preso, e cioè che i 5 Stelle non saranno in giunta”. “In ogni caso - ha concluso - Azione, anche con Gualtieri sindaco, sarà all'opposizione, perché questo è un impegno che abbiamo preso con i cittadini”.

Conte da parte sua ha osservato che "Gualtieri non ha detto nulla di meno o di più di quello che riteniamo: non avendo chiesto nulla e non avendo mai pensato di avere assessori non era all'ordine del giorno. Quindi ha detto quello che è in linea con quello che noi riteniamo per il ballottaggio di Roma".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza