cerca CERCA
Sabato 27 Novembre 2021
Aggiornato: 22:18
Temi caldi

Servizio civile, cooperazione tra Italia e Slovenia per mobilità giovani

16 maggio 2016 | 10.13
LETTURA: 3 minuti

alternate text

Una cooperazione tra Italia e Slovenia per la mobilità giovanile nel servizio civile e per il rafforzamento dell'economia sociale. A lanciarla il segretario di Stato della Repubblica della Slovenia, Tadej Slapnik,ed il sottosegretario di Stato della Repubblica Italiana, Luigi Bobba, nell'incontro che si è svolto a Lubiana. Un progetto che punta a coinvolge giovani italiani e sloveni permettendo loro di fare esperienza di cittadinanza attiva e che presterà particolare attenzione ai giovani svantaggiati, oltre ad essere aperto alla possibile partecipazione di altri Paesi interessati.

"Questa cooperazione - riferisce una nota congiunta - potrebbe, in particolare, consistere sia nello scambio di giovani volontari in Servizio Civile che nella reciproca condivisione di informazioni sui modi in cui questo può essere realizzato. I due Paesi sono determinati a migliorare l'accessibilità e la mobilità dei giovani e condividono lo stesso desiderio di dare una dimensione sovranazionale al Servizio Civile, rafforzando anche, in questo modo, le loro relazioni bilaterali e transfrontaliere".

"Questa cooperazione - spiega ancora il comunicato congiunto - sarà diretta dalle pertinenti strutture amministrative dei due Paesi, in accordo alle rispettive legislazioni nazionali. Metodi appropriati per coinvolgere attivamente organizzazioni non governative e altre associazioni operanti nel campo del Servizio Civile, in aggiunta alle municipalità italiane e slovene, saranno esplorate". E, "al fine di implementare concretamente questo progetto, Italia e Slovenia si apprestano a firmare, nei prossimi mesi, una dichiarazione d'intenti indicando le modalità e gli ambiti di cooperazione, concordate preventivamente dalle rispettive autorità nazionale".

Inoltre, La Slovenia e l'Italia coopereranno nel settore dell'economia sociale, a partire dalla dichiarazione di Lussemburgo del 4 dicembre 2015 "Un programma di lavoro verso un ecosistema più completo per le imprese dell'economia sociale". Esse scambieranno punti di vista e buone pratiche sulle imprese sociali nei due paesi ed uniranno gli sforzi per approfondire la cooperazione e stimolare l'attenzione a livello europeo su questo argomento.

"Sono particolarmente soddisfatto dell'avvio di una nuova collaborazione con la vicina Slovenia e del proficuo dialogo su alcune tematiche di interesse comune'', dichiara il sottosegretario al ministero del Lavoro Bobba. ''Questo incontro bilaterale ha posto le basi per sviluppare ad un livello sovranazionale due tematiche che mi stanno particolarmente a cuore e che nei prossimi mesi potranno essere declinate in progetti specifici e condivisi".

"Da un lato- continua Bobba - la prospettiva di programmare iniziative finalizzate allo scambio di volontari del Servizio civile, impegnati in attività di utilità sociale, rappresenta un ulteriore passo verso la costruzione di un vero e proprio Servizio civile europeo. Dall'altro, l'idea di una collaborazione nel settore dell'economia sociale attribuisce continuità agli impegni assunti nel semestre di presidenza italiana, e riconfermati nella Dichiarazione di Lussemburgo, riconoscendone la valenza quale motore di sviluppo. Al contempo viene evidenziata a necessità di un suo maggiore sostegno nel contesto europeo, sia con misure economiche sia con una cooperazione rafforzata tra le istituzioni e i soggetti dell'economia sociale''.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza