cerca CERCA
Martedì 26 Gennaio 2021
Aggiornato: 23:27

Covid, Arcuri: "Vaccinazione di massa da gennaio"

16 dicembre 2020 | 12.06
LETTURA: 3 minuti

Via libera da governo e regioni al piano vaccini

alternate text
Afp
Roma, 16 dic. (Adnkronos)

Via libera da governo e Regioni al piano vaccini anti covid. L'ok è arrivato all'unanimità, a quanto si apprende, nel corso della riunione in videoconferenza convocata dal ministro per gli Affari regionali Francesco Boccia. La riunione è iniziata intorno alle 9 del mattino, partecipano in videoconferenza anche il ministro della Salute Roberto Speranza e il commissario straordinario all'emergenza Coronavirus Domenico Arcuri. A quanto si apprende, il premier Giuseppe Conte si aggiornerà con i capi delegazione delle forze di maggioranza per decidere della nuova stretta alle 12.30.

ARCURI - ''Nei primi giorni di gennaio parte la vaccinazione di massa'', ha spiegato il commissario straordinario all'emergenza coronavirus Arcuri, a quanto si apprende, nel corso della riunione. Alle Regioni verranno consegnate il 90% delle dosi di vaccino richieste, in considerazione del fatto che ''verosimilmente non sarà vaccinato il 100% del personale sanitario'', ha fatto sapere, a quanto si apprende, il commissario straordinario. Arcuri manderà alle Regioni il libretto di istruzioni ed entro la settimana la procedura di somministrazione del piano vaccini.

La campagna di vaccinazione in Italia partirà con le prime 1.833.975 dosi di vaccino anti Covid 19 che verranno distribuite da Pfizer. E' quanto fanno sapere gli uffici del commissario straordinario per l’emergenza.

''Qualora, come si auspica, l’Ema approverà, nella seduta del 21 dicembre, l’immissione sul mercato del vaccino e dopo la successiva, pressoché immediata, validazione dell’Aifa, ci sarà, già prima della fine dell’anno, il Vaccine Day europeo, in cui i primi cittadini verranno vaccinati nello stesso giorno, così come concordato tra i ministri della Salute di Belgio, Francia, Germania, Italia, Lussemburgo, Olanda, Spagna e Svizzera", si spiega ancora.

''Nei giorni successivi, verrà invece avviata la prima sessione della vaccinazione di massa, destinata alle categorie che il Governo e il Parlamento hanno stabilito essere prioritarie: operatori sanitari e sociosanitari, personale operante nei presidi ospedalieri, pubblici e privati, ospiti e personale delle residenze per anziani'', fanno sapere. Questa mattina nel corso della riunione governo-Regioni, informano gli uffici del commissario, ''è stata condivisa tra il Governo, le Regioni e il Commissario, e sulla base dei dati forniti dalle Regioni e successivamente normalizzati, la suddivisione delle prime 1.833.975 dosi che verranno inizialmente inviate alle Regioni''.

La seconda fornitura garantita da Pfizer sarà di 2.507.700 dosi, che consentiranno nelle settimane successive di somministrare la seconda dose alle suddette categorie prioritarie, nonché di avviare la vaccinazione della popolazione più fragile.

SPERANZA - ''L’incontro con i ministri europei è andato bene e dopo il via libera dell’Ema saremo pronti a partire con alcuni giorni di anticipo rispetto alle valutazioni che avevamo fatto. Per questo dobbiamo essere pronti con i piani regionali'', quanto ha detto, a quanto si apprende, il ministro della Salute Roberto Speranza.

BOCCIA - "Oggi diamo il via libera al piano di distribuzione dei vaccini e domani portiamo il documento condiviso in Conferenza Stato-Regioni in modo da renderlo subito operativo anche dal punto di vista formale. Le Regioni hanno fatto insieme al commissario Arcuri un lavoro puntuale e molto rigoroso. La campagna vaccinale sarà una sfida che vinceremo insieme", quanto avrebbe detto il ministro degli Affari regionali Francesco Boccia.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
L´ informazione continua con la newsletter

Vuoi restare informato? Iscriviti a e-news, la newsletter di Adnkronos inviata ogni giorno, dal lunedì al venerdì, con le più importanti notizie della giornata

Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza