cerca CERCA
Mercoledì 03 Marzo 2021
Aggiornato: 11:49
Temi caldi

Covid, Sgarbi: "Ecco perché multo chi porta mascherina all'aperto"

31 agosto 2020 | 10.36
LETTURA: 1 minuti

Il sindaco di Sutri ricorda "il decreto legge 155 del 2005 che, dopo gli attentati terroristici islamici, vieta ogni mascheramento del volto"

alternate text
(Fotogramma)
Roma, 31 ago. (Adnkronos)

"Per evitare l’irrazionale diffondersi del virus della paura, ho scritto un’ordinanza per vietare l’uso della mascherina, che non è un divieto, ma un richiamo alla ragione e al libero pensiero, cioè al pensiero libero da pregiudizi. La mia minaccia di multa a chi porta la mascherina per strada è solo un paradosso per fare riflettere sulla insensatezza della sottomissione, non imposta, ma accettata passivamente". Così, con una lettera al 'Giornale', Vittorio Sgarbi spiega perché, nella sua veste di sindaco di Sutri, ha firmato un'ordinanza che vieta l'uso delle mascherine all'aperto nella cittadina laziale.

E, a sostegno dell'ordinanza, Sgarbi ricorda "il decreto legge 155 del 2005 che, dopo gli attentati terroristici islamici, vieta ogni mascheramento del volto che possa 'rendere difficoltoso il riconoscimento della persona'. Verum ipsum factum. Le evidenze scientifiche disponibili, fornite dall’Istituto superiore della sanità, indicano che in sei mesi l’epidemia ha prodotto 4 decessi sotto i 9 anni e nessuno tra i 10 e i 19 anni. Nessuno. Nessuno. Dobbiamo imbavagliarli tutti con le mascherine, perché non si contaminino sani tra sani ?", conclude il pimo cittadino di Sutri.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
L´ informazione continua con la newsletter

Vuoi restare informato? Iscriviti a e-news, la newsletter di Adnkronos inviata ogni giorno, dal lunedì al venerdì, con le più importanti notizie della giornata

Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza