cerca CERCA
Sabato 12 Giugno 2021
Aggiornato: 00:38
Temi caldi

Cremazione in Italia: una scelta sempre più attuale

26 aprile 2021 | 10.38
LETTURA: 2 minuti

Milano, 26 aprile 2021 - Uno dei valori più importanti nella vita di una persona è rappresentato senza dubbio dalla libertà, intesa come possibilità di realizzare i propri desideri. Questo aspetto riguarda anche ciò che succederà al proprio corpo con il termine della vita, implicando una presa di coscienza profonda, priva di costrizioni e pregiudizi.

Una tendenza sempre più evidente della nostra contemporaneità è il continuo incremento di persone che scelgono la cremazione, una pratica che affonda le sue origini nell’antichità, mantenendo una grande ricchezza di significato.

La cremazione in Italia, scelta da più di 3 persone su 10, con un incremento del 1.300% negli ultimi 30 anni, consente scelte differenti, come la decisione di un luogo preciso per la dispersione delle ceneri o l’indicazione del nominativo di un parente a cui verranno affidate oppure la tumulazione dell’urna.

Una volta maturata questa decisione, è possibile affidarsi al Registro Italiano Cremazioni, legalmente riconosciuto dal Ministero dell’Interno. E’ un’associazione volontaria che ha come finalità la conservazione delle volontà dei propri associati e la diffusione dei valori della cremazione, offrendo una corretta informazione in merito a cremazione, affido e dispersione delle ceneri. Tramite l’iscrizione al Registro si avrà la sicurezza che la propria scelta verrà rispettata. Il tutto senza che rimanga alcuna incombenza burocratica o spesa a carico dei familiari.

Iscriversi è semplice: lo si può fare tramite gli sportelli del Registro all’interno delle oltre 200 imprese funebri associate, presenti su tutto il territorio nazionale, oppure comodamente online, anche da dispositivi mobili, collegandosi al sito del Registro https://www.registroitalianocremazioni.it/iscrizione/

Il sito fornisce informazioni di vario genere sulla cremazione e sul procedimento di iscrizione. Può quindi essere un efficace strumento per dissipare eventuali dubbi.

Grazie al Registro, diventa semplice e veloce affermare il proprio diritto di scelta ed essere certi che le proprie volontà verranno rispettate. Nello stesso tempo, si evita di lasciare la responsabilità di decisioni difficili ai propri cari, in un momento già doloroso e complesso.

A breve, per facilitare ulteriormente la procedura di registrazione online, sarà attivato il canale SPID che permetterà un riconoscimento ancora più veloce dell’identità degli utenti.

Per associarsi al Registro Italiano Cremazioni è sufficiente iscriversi e pagare una quota simbolica di 10 euro all’anno, finché si è in vita o per un massimo di 20 anni. Ad iscrizione avvenuta, si riceve la tessera del Registro Italiano Cremazioni, che attesta l’associazione.

L’iscrizione al Registro permette di affrontare con più consapevolezza il termine della vita e di poter indicare in maniera chiara ed univoca la propria preferenza per la cremazione e per l'eventuale dispersione o affidamento delle ceneri del corpo. In questo modo si evitano imposizioni esterne e l'attuazione di pratiche lontane dal proprio modo d'essere, ottenendo l’affermazione dei propri desideri.

Come iscriversi

Per associarsi al Registro Italiano Cremazioni ci si può recare presso uno degli sportelli del Registro all’interno delle oltre 200 imprese funebri associate presenti in Italia, oppure tramite la compilazione di un modulo digitale collegandosi al sito https://www.registroitalianocremazioni.it/

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza