cerca CERCA
Giovedì 29 Luglio 2021
Aggiornato: 15:26
Temi caldi

Criptovalute24: lo studio delle più grandi truffe nel mondo crypto

15 giugno 2021 | 16.13
LETTURA: 4 minuti

Milano, 15 Maggio 2021. Negli ultimi anni il fascino delle criptovalute ha catturato all’attenzione di trader e investitori privati, con un forte aumento di capitali investiti nei crypto token. I media d’altronde hanno dato ampio risalto alle storie di successo nel settore criptovalutario, evidenziando come alcune persone siano riuscite a fare fortuna investendo in Bitcoin e company. Al contrario, spesso è stato concesso poco spazio alle truffe nel mondo crypto, eventi che invece sono particolarmente utili per capire come investire senza cadere in una frode finanziaria.

Per questo motivo lo staff di Criptovalute24 ha realizzato uno studio dedicato a questo argomento, pubblicando all’interno del portale un’analisi approfondita sulle più grandi truffe con le criptovalute degli ultimi 10 anni.

Ovviamente nell’ambiente operano professionisti e aziende serie e affidabili, infatti i crypto token sono realmente un’opzione d’investimento interessante al giorno d’oggi. Tuttavia, è indispensabile approcciarsi in modo corretto, attraverso una buona formazione e la consapevolezza sui rischi esistenti.

Quali sono state le truffe più eclatanti nel settore criptovalutario

Come indicato nello studio pubblicato su criptovalute24.com, la truffa più importante legata alle criptovalute è stata quella del 2014 sull’exchange Mt. Gox con sede a Tokyo. In questo caso un attacco hacker causò la sottrazione di 850 mila Bitcoin, per un valore stimato secondo la quotazione odierna di oltre 25 miliardi. Naturalmente il fondatore Mark Karpeles venne accusato di compiacenza e negligenza, considerando che dal 2010 al 2014 l’exchange era la piattaforma più grande per gli scambi di BTC.

La seconda truffa per valore nella storia criptovalutaria fu quella di OneCoin, un falso token che nel 2015 ingannò milioni di persone, provocando un pregiudizio complessivo di oltre 12 miliardi. In realtà, infatti, la criptovaluta indicata come l’erede di Bitcoin era uno schema Ponzi, una frode architettata dalla fondatrice Ruja Ignatova. Al terzo posto di questa triste classifica si posiziona invece Bitconnect, con la quale vennero sottratti oltre 2,1 miliardi con l’ICO (Initial Coin Offering) di questa criptovaluta, diventata celebre e poi inutile nel giro di 8 mesi.

Questi tre eventi da soli hanno causato un danno economico complessivo di quasi 40 miliardi, tuttavia il mondo crypto è costellato di truffe meno appariscenti ma ugualmente pesanti per gli investitori. Ad esempio, nel corso degli ultimi 10 anni sono stati scoperti falsi sistemi di trading automatico, siti fake di exchange o broker e account social contraffatti. Oggi la Consob è investita di nuovi poteri, quindi può richiedere l’oscuramento dei portali non autorizzati, ad ogni modo non sempre è facile intervenire quando si tratta di crypto investimenti.

Come investire in criptovalute senza cadere in una truffa

Naturalmente è possibile investire nelle criptovalute in modo sicuro, senza il rischio di cadere nelle mani di truffatori, evitando di mettere i propri soldi in schemi piramidali, portali falsi, progetti crypto senza valore o sistemi di fantomatici guru esperti di criptovalute. I professionisti di Criptovalute24 consigliano innanzitutto di selezionare delle fonti autorevoli, per reperire informazioni di qualità solo ed esclusivamente su portali affidabili, in quanto non sempre influencer e siti web sono trasparenti nella promozione di servizi per gli investimenti criptovalutari.

Su Criptovalue24.com ad esempio è possibile trovare risorse utili e gratuite, realizzate da esperti del settore con la massima etica e trasparenza, mettendo sempre al primo posto la qualità dei contenuti proposti agli appassionati di Bitcoin e delle altre monete digitali. La corretta formazione permette di acquisire una serie di competenze essenziali per investire in crypto token, per conoscere queste nuove tecnologie ed essere in grado di riconoscere una truffa.

Valutare i segnali di allarme, infatti, permette di difendersi contro le frodi, specialmente quando si vuole investire in criptovalute emergenti e poco conosciute. Allo stesso modo bisogna sapere come verificare l’affidabilità di exchange e broker, controllando le licenze delle imprese finanziarie e la reputazione delle piattaforme di compravendita di criptovalute. La scelta delle soluzioni d’investimento giuste consente di tutelarsi dagli operatori truffaldini, per affrontare queste operazioni con maggiore serenità.

Cosa bisogna sapere prima di investire nel mercato criptovalutario

Gli investimenti criptovalutari offrono senz’altro importanti opportunità, tuttavia bisogna avvicinarsi a questo settore con la massima cautela e prudenza. Oltre alla conoscenza dei rischi legati alle truffe e alla necessità di affidarsi a un operatore professionale e abilitato, infatti, è fondamentale disegnare una strategia d’investimento attraverso un corretto money management e un’adeguata asset allocation del capitale, per minimizzare il rischio tramite la diversificazione e la pianificazione di investimenti sostenibili.

Su criptovalute24.com vengono pubblicate regolarmente guide e approfondimenti sugli investimenti criptovalutari, trattando questa tematica in modo professionale e preciso, con lo scopo di supportare gli investitori alle prime armi nel loro percorso formativo. Scegliere una strategia efficace, adatta ai propri obiettivi e alla propensione al rischio, permette di avvicinarsi ai crypto investimenti nella maniera giusta, investendo prima di tutto nello studio e nella formazione di qualità per evitare truffe ed errori.

Per maggiori informazioni

Report 2021 truffe sulle Criptovalute: https://www.criptovalute24.com/truffe-criptovalute/

Sito web: https://www.criptovalute24.com/

Responsabilità editoriale: Tilinko.it – Img Solutions srl

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza