cerca CERCA
Lunedì 01 Marzo 2021
Aggiornato: 15:17
Temi caldi

Terremoto: crollo tetto santuario Madonna della Laga, affreschi a rischio

01 novembre 2018 | 17.15
LETTURA: 3 minuti

alternate text
(Foto dal sito paesiteramani.it)
Roma, 1 nov. (AdnKronos)

Con l'arrivo dell'inverno e della neve sono a rischio gli affreschi del santuario della Madonna dei Monti della Laga, una chiesa situata nel cuore del parco nazionale del Gran sasso Monti della Laga nel paesino di Padula, inagibile dal terremoto che ha colpito l'Italia centrale. La primavera scorsa, anche in conseguenza dei danni riportati nel corso del sisma è crollato il tetto dell'ala sinistra del santuario e ad oggi nessun intervento di messa in sicurezza è stato effettuato.

Il parroco del piccolo paesino, proprio oggi durante la messa di Ognissanti, ha annunciato ai fedeli che tutti suoi tentativi di assicurare almeno una copertura provvisoria prima delle nevicate invernali sono andati a vuoto. A determinare lo stallo, accanto ai problemi burocratici, sembra ci sia l'inerzia della curia di Teramo che avrebbe già ricevuto i fondi dalla Protezione civile (per le chiese del comune di Cortino sarebbero stanziati 2,4 milioni di cui 600 mila euro per la chiesa di Padula).

Gli abitanti del piccolo paese hanno cercato di incontrare il vescovo di Teramo ma non è stato impossibile. "Abbiamo più volte chiamato la Curia -racconta Anna Rita Di Berardo- chiedendo un incontro dei parrocchiani con il vescovo. Per tutta risposta la curia ci ha dirottati sull'ingegnere che cura i progetti di restauro delle chiese danneggiate dal terremoto. Ma anche in questo caso non è stato possibile alcun incontro. Il nostro obiettivo era quello di chiedere che fosse almeno approntata una copertura provvisoria. Ogni volta che piove la chiesa si riempie d’acqua, con il rischio di danni irreparabili per gli affreschi alle pareti". "Proprio a seguito del nostro interessamento -aggiunge- ad ottobre scorso, alcuni tecnici sono venuti a vedere il santuario. Sembrava finalmente in arrivo una copertura provvisoria per superare l'inverno. Invece oggi l'annuncio del parroco che si è detto impotente".

La Chiesa di S. Maria Assunta si trova a circa 1000 metri sul livello del mare nei pressi delle sorgenti del fiume Tordino, risale nella sua struttura originaria alla fine del Quattrocento. L’attuale aspetto è il frutto di restauri avvenuti nel XVIII e nel XIX secolo e, più di recente, nel 1988; a conclusione di quest’ultimo è stata elevata a “Santuario della Madonna dei Monti della Laga”. Nella struttura principale trova posto la chiesa vera a propria, costituita da una navata unica che un tempo terminava in un’abside mentre oggi in una semplice zona presbiteriale.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
L´ informazione continua con la newsletter

Vuoi restare informato? Iscriviti a e-news, la newsletter di Adnkronos inviata ogni giorno, dal lunedì al venerdì, con le più importanti notizie della giornata

Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza