cerca CERCA
Sabato 25 Settembre 2021
Aggiornato: 19:28
Temi caldi

Csm, scontro su ipotesi sorteggio

04 ottobre 2018 | 18.31
LETTURA: 2 minuti

alternate text
(Fotogramma) - FOTOGRAMMA

"E' scritto nel contratto di governo che si intende realizzare un sistema elettorale del Csm in grado di combattere il fenomeno del correntismo. Credo di avere in questa intenzione il consenso di gran parte dei magistrati e che sia sacrosanto portare avanti una battaglia di questo tipo". Lo ha detto il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, intervenendo al congresso nazionale forense, a Catania. "Tra le ipotesi - ha aggiunto - c'è anche quella che prevede una fase di sorteggio. Non è possibile, né auspicabile un sorteggio integrale, che prevederebbe tra l'altro una riforma costituzionale". "Stiamo allora studiando un sistema elettorale, non contro qualcuno, ma a favore di tutti i magistrati che lavorano seriamente per il buon funzionamento della giustizia, tra mille difficoltà nelle quali sono stati abbandonati dai passati governi. Vogliamo dare un segnale fondamentale".

Netta la stroncatura da parte dell'Associazione nazionale magistrati. "Il sorteggio per la scelta dei componenti del Csm è incostituzionale" sottolinea in una nota il presidente dell'Anm, Francesco Minisci. "Nessuna compagine democratica e rappresentativa può essere scelta affidandosi al bussolotto o alla dea bendata - scandisce - neanche gli organi più semplici, neanche i rappresentanti di classe degli alunni, figuriamoci un organo a rilevanza costituzionale come il Csm. Si eviti di percorrere questa strada perché le conseguenze negative per il sistema giudiziario sarebbero enormi. Non sono queste le riforme che servono per migliorare il servizio ai cittadini", conclude Minisci.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza