cerca CERCA
Lunedì 28 Novembre 2022
Aggiornato: 11:05
Temi caldi

Animali

Da Genova a Bari, cinghiali 'invadono' le città attirati dalla spazzatura

17 luglio 2016 | 16.06
LETTURA: 3 minuti

alternate text
Immagine di repertorio (Fotogramma)

Topi, ratti e gabbiani, ma a Genova a preoccupare di più è il numero di cinghiali, pericolosi non solo per la mole e le zanne ma per il loro numero. L'agosto scorso, secondo le stime dell'amministrazione regionale, i cinghiali da abbattere erano più di 24.200. Quest'anno i numeri non devono essere molto diversi. Causa principale della proliferazione di questi ungulati sono l'abbandono delle coltivazioni collinari e montane e l'abbondanza di rifiuti in città. A Genova i cinghiali sono una presenza costante. Vengono avvistati, e a volte incontrati, non solo nella fascia cittadina esterna ma anche nelle zone interne. Sono stati visti persino nelle aree, in riva al mare, delle acciaierie Ilva.

Da Nord a Sud, passando per Roma, dove si moltiplicano gli avvistamenti di questi animali soprattutto nella zona dell'Olgiata (Video). "Cercano cibo tra i rifiuti in città" aveva spiegato un anno fa all'Adnkronos l'etologo Danilo Mainardi. Branchi di cinghiali sono stati avvistati a più riprese nella nuova periferia di Bari, il quartiere Nuovo San Paolo, sorto nei pressi del Parco di Lama Balice. Gli ungulati si sono inoltrati fra i palazzi dell'area residenziale e il Comitato di quartiere ha avvisato la Prefettura, per segnalare una situazione che si protrae da tempo. I cinghiali sono arrivati così vicini alle case, percorrendo i corridoi ecologici del Parco regionale di Lama Balice. Gli avvistamenti avvengono generalmente di notte quando non c'è traffico perché i rumori spaventano gli animali facendoli tornare nelle zone interne dell'area protetta. La situazione viene monitorata e denunciata dal comitato di quartiere del nuovo San Paolo. I residenti lamentano ''una presenza ormai costante'' dei cinghiali e invocano un piano di selezione.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza