cerca CERCA
Sabato 01 Ottobre 2022
Aggiornato: 08:39
Temi caldi

È morto Piero Angela, aveva 93 anni: ha portato la scienza in tv

13 agosto 2022 | 12.08
LETTURA: 2 minuti

Addio al giornalista e maestro della divulgazione scientifica. Il figlio Alberto sui profili social: "Buon viaggio papà"

alternate text
Fotogramma

E' morto all'età di 93 anni Piero Angela. Il decano dei conduttori televisivi, maestro della divulgazione scientifica in tv, è morto a Roma. La notizia è stata confermata dal figlio, Alberto Angela, sui profili social: "Buon viaggio papà", ha scritto Alberto, a sua volta conduttore tv.

Leggi anche

La camera ardente di Piero Angela sarà probabilmente allestita il 16 agosto in Campidoglio, a partire dalle 11.30. A seguire dovrebbero poi tenersi sempre in Campidoglio anche i funerali laici. Ma sarebbero in corso le ultime valutazioni da parte della famiglia sulla possibilità di tenere i funerali il 16 stesso o il 17 agosto. Pertanto la notizia non è stata ancora ufficializzata.

Nato a Torino nel 1928, Angela aveva iniziato la sua carriera giornalistica in Rai come cronista radiofonico, divenendo poi inviato e infine conduttore del telegiornale.

La sua notorietà è legata però alla realizzazione di programmi televisivi di divulgazione scientifica di tipo anglosassone, con i quali ha fondato per la televisione italiana una solida tradizione documentaristica (Quark, 1981; Superquark ,1995, e numerosi programmi derivati). Tra le numerose pubblicazioni, sempre di carattere scientifico-divulgativo: Nel cosmo alla ricerca della vita (1980); La macchina per pensare (1983); Oceani (1991); La sfida del secolo (2006); Perché dobbiamo fare più figli (con L. Pinna, 2008); A cosa serve la politica? (2011); Dietro le quinte della Storia. La vita quotidiana attraverso il tempo (con A. Barbero, 2012); Viaggio dentro la mente: conoscere il cervello per tenerlo in forma (2014); Tredici miliardi di anni. Il romanzo dell'universo (2015); Gli occhi della Gioconda (2016).

Nel 2017 ha pubblicato il libro autobiografico Il mio lungo viaggio. Nel 2004 è stato insignito del titolo di Grande Ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana e nel 2021 del titolo di Cavaliere di Gran Croce dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza