cerca CERCA
Mercoledì 05 Ottobre 2022
Aggiornato: 18:55
Temi caldi

Epatite acuta bambini, Ecdc: "Circa 190 casi nel mondo, intorno a 40 in Ue"

26 aprile 2022 | 13.56
LETTURA: 1 minuti

Ammon: "Nessun collegamento tra i casi né con viaggi, indagini puntano su adenovirus"

alternate text
(Fotogramma)

I dati relativi alle segnalazioni di epatiti acute di origine sconosciuta in bambini precedentemente sani "sono ancora fluidi, a volte non molto precisi perché ci sono verifiche da fare, ma siamo a circa 190" casi segnalati "in questo momento in tutto il mondo e circa 40 nell'Ue/Spazio economico europeo". E' l'aggiornamento fornito da Andrea Ammon, direttrice del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc).

"Il Regno Unito - ha ricordato Ammon oggi - è stato il primo Paese a lanciare un allarme all'inizio di aprile e ha segnalato più di 100 casi, ora più Paesi hanno fatto segnalazioni tra cui 10 Paesi Ue/See ma anche Israele e Stati Uniti". Molti di questi bambini, ha evidenziato, hanno avuto un'epatite grave, diversi hanno avuto insufficienza epatica e alcuni hanno richiesto un trapianto di fegato, segno di quanto sia severa la condizione. Le indagini sono in corso in tutti i Paesi che segnalano casi, ma al momento la causa esatta di questa epatite rimane ancora sconosciuta".

Le solite epatiti da A a E "sono escluse e le autorità sanitarie pubbliche stanno ora esaminando possibili cause e fattori - ha aggiunto la direttrice Ecdc - le indagini in questo momento puntano su un collegamento all'infezione da adenovirus. Continueremo a monitorare, anche con l'Oms, per capire cosa c'è dietro. Finora non c'è alcun collegamento tra i casi e anche nessuna associazione con viaggi. Stiamo lavorando a una rapida valutazione del rischio che prevediamo di pubblicare giovedì".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza