cerca CERCA
Venerdì 03 Dicembre 2021
Aggiornato: 21:44
Temi caldi

Eternit, inchiesta bis: per la Procura ci sono altre 115 morti sospette

31 ottobre 2015 | 14.49
LETTURA: 2 minuti

alternate text
(Infophoto)

Aumentano i casi di morti ritenute correlate all’amianto contenuti nell’inchiesta Eternit bis. La procura di Torino ha raccolto altri 98 casi di decesso tra gli ex lavoratori di quattro stabilimenti italiani del gruppo e contesta anche le morti di 17 italiani che avevano lavorato in due siti della multinazionale dell'amianto in Svizzera. Tra questi dei piemontesi, ma soprattutto veneti e pugliesi, che avevano lavorato in Svizzera tra metà anni Settanta e primi anni Novanta, e sono poi deceduti per mesoteliomi, asbestosi o tumori polmonari, sul suolo italiano.

L’intenzione è di aggiungere i casi ai 258 già contestati al magnate svizzero Stephan Schmidheiny nel procedimento che al momento è al vaglio della Corte Costituzionale. Le morti degli ex operai degli stabilimenti svizzeri vengono contestate anche al fratello Thomas. L'accusa è di omicidio colposo. I consulenti del pm Raffaele Guariniello stanno anche analizzando casi tra gli ex lavoratori di filiali della multinazionale a Siracusa e in Brasile, che eventualmente confluiranno nel fascicolo.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza